Si chiude oggi il concorso «Lu Carrature d’Ore»

Si chiude oggi il concorso «Lu Carrature d’Ore»

Si chiudono oggi, mercoledì 18 marzo, a Rosciano le prove dei 39 chef professionisti in gara in occasione de «Lu Carrature d’Ore», lo storico concorso di cucina organizzato
dall’Associazione provinciale Cuochi di Pescara, in collaborazione con l’Assessorato regionale all’Agricoltura e l’Arssa, la Provincia di Pescara e il Comune di Rosciano.

«Questo concorso – ha dichiarato il presidente dell’Associazione Lorenzo Pace – rappresenta l’esaltazione della gastronomia abruzzese in modo professionale. Contemporaneamente è uno
stimolo all’aggiornamento e alla valorizzazione dei prodotti tipici. In tal modo offriamo un contributo di professionalità al settore turistico e un sostegno alle produzioni agroalimentari
di qualità. Il concorso nasce infatti proprio con l’obiettivo di fornire ai cuochi abruzzesi un’occasione d’incontro e di confronto per un’ulteriore crescita professionale. Come hanno
dimostrato anche gli alunni degli istituti alberghieri che con talento hanno preparato piatti di elevata qualità sia sotto il profilo della ricerca dei prodotti agroalimentari tradizionali
sia sotto l’aspetto della preparazione e del gusto».

A giudicare i piatti in base alla presentazione, gusto, capacità di utilizzo ed elaborazione dei prodotti tipici nostrani, la giuria, composta dagli esponenti del mondo della ristorazione
e della pasticceria presieduta dal giornalista Massimo Di Cintio che dichiara: «Occorre mettere in campo professionalità, capacità e aggiornamento professionale, ma
soprattutto stabilire un patto virtuoso con chi produce o seleziona materie prime di eccellenza così da dare continuità e vitalità all’economia rurale e della pesca. Noi
abruzzesi abbiamo sempre saputo conservare in maniera forte, esaltando la giusta dose creativa, le peculiarità locali».

Ogni cuoco ha realizzato un piatto a scelta tra primo, un secondo piatto o un dessert. Gran finale, venerdì 20 marzo, con la cena di gala durante la quale saranno proclamati i
vincitori.

Elenco partecipanti:

Ernesto Cinalli
Ristorante «L’Anfora» Atessa Ch

Marco Giansante
Ristorante «La Rete» Pescara

Mattia Camplone e Sonia Palusci
Ristorante «La locanda dei poveri e dei re» Pescara

Pasquale Farina
Ristorante «Oasi della Nora» Rosciano Pe

Domenica Recchilongo
Ristorante «Vecchia fornace» Moscufo Pe

Dino Pavone
Ristorante «Emozioni d’Abruzzo» Collecorvino Pe

Floriano Capraro
Hotel-ristorante «Miraverde» San Salvo Ch

Piero Pace
Hotel «Monteselva» Barisciano Aq

Giovanni Paolucci
Ristorante «La buca del grano» Casalincontrada Ch

Stefano Baldassarre
Ristorante «Sapori d’Arte» Pescara

Nicola Rapino
Ristorante «L’angolino sul mare» Francavilla al Mare Ch

Dario Stenta
Ristorante «Tonino» Cepagatti Pe

Nicola Fossaceca
Ristorante «Al Metrò» San Salvo Ch

Lorenzo Persico
Ristorante «Panorama» San Valentino in A.C. Pe

Donatella Murano
Agriturismo «Fattoria Colline Verdi» Spoltore Pe

Davide D’Agostino
Ristorante «Vecchia Silvi» Silvi Te

Eduardo Gabriel Ferrante
Ristorante «Al Cantuccio» Pineto Te

Aldo D’Ostilio
Ristorante «Via Veneto» Castelnuovo Vomano Te

Francesco Iannetti
Ristorante «L’Oasi dei Calanchi» Atri Te

Ivan Florindi
Ristorante «Il Biroccio» Collecorvino Pe

Isolina Petrini
Ristorante «Bacucco D’oro» Mutignano di Pineto Te

Moreno D’Antuono
Ristorante «La taverna del capitano» Cepagatti Pe

Falsetta Luigi
Ristorante «La Fattoria» Collecorvino Pe

Giovanni Magnacca
Hotel Calgary Casalbordino Ch

Martina Di Fabio
Romantik Hotel Villa Maria Francavilla al Mare Ch

Luca Montenero
Ristorante «Da Paolino» Pescocostanzo Aq

Mariaelena Lupinetti
Ristorante «Terre e Sapori» Elice Pe

Francesco Liguori
Hotel Parco dei Principi Giulianova Te

Maria Chicchiricò e Anzelmina D’Alessandro
Ristorante «La Siesta» Casalincontrada Ch

Giuseppe Quinzi
Hotel Serena Majestic Montesilvano Pe

Matteo Ciccocioppo
Grand Eurotel Montesilvano Pe

Mattia Presenti
«Osteria il Borgo dei Fumari» Prata D’Ansidonia Aq

E i liberi professionisti: Maurizio Rossetti, Lorenzo Collevecchio, Oscar Antonio Scarano, Andrea Marchetti, Angelo Ianiro, Antonio Irardi e Angelo Taricani.

Leggi Anche
Scrivi un commento