Screening in Tandem massa: 74 bimbi salvati dal 2002 ad oggi in Toscana

Firenze – Sono settantaquattro i neonati affetti da malattie metaboliche e rare che è stato possibile diagnosticare dal 2002 al primo dicembre 2007, grazie allo screening
allargato mediante Tandem Massa realizzato presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer, i test sono stati effettuati su 145000 neonati.

Inoltre grazie alla disponibilità tecnologica e all’esperienza maturata il Meyer fornisce dal 2006 lo screening neonatale in Tandem Massa anche a tutti i nati della Asl 1 Umbra.

Ogni screening costa poco meno di 42 euro. L’attività viene finanziata dalla Regione Toscana, con un investimento annuale di 1 milione e 180 mila euro. Lo ha deciso la giunta regionale
nella sua ultima seduta su proposta dell’assessore per il diritto alla salute Enrico Rossi.
«Si tratta di una esperienza che per dimensioni e capillarità non ha uguali nel nostro paese – afferma l’assessore Rossi – e che intendiamo prose! guire e sostenere. Tra l’altro
questa attività ci ha permesso di scoprire una elevata incidenza di malattie che erano ritenute rare o inesistenti, 1 caso ogni 2000 bambini nati circa, di intervenire salvando le loro
vite con le terapie opportune e di fare prevenzione nelle famiglie, attraverso un consiglio genetico oppure una diagnosi prenatale».
Grazie a una goccia di sangue prelevata tra il secondo e il terzo giorno dalla nascita, è possibile sapere se in essa si nasconde una delle quaranta malattie metaboliche ereditarie
dall’evoluzione grave o con conseguenze anche mortali.
Assicurano gli esperti che in un domani molto vicino il test in Tandem Massa consentirà di accertare l’esistenza di uno spettro più ampio di patologie, oltre 100-150.

Susanna Cressati

Leggi Anche
Scrivi un commento