Schede confuse, brusca replica di Amato a Berlusconi che però rilancia

Piccata risposta del ministro dell’Interno Giuliano Amato all’allarme lanciato da Berlusconi sui rischi di voto irregolare a causa della composizione delle schede elettorali, che potrebbero
indurre all’errore secondo il candidato premier del Pdl.

«Le schede elettorali rispondono alla disciplina legislativa adottata nella precedente legislatura» ha detto Amato, al quale era giunta la sollecitazione del Quirinale a fornire
chiarimenti. Il capo del Viminale ha poi definito impossibile cambiare le schede, visto che i miliari all’estero hanno già votato con le attuali. Ma il leader del Pdl rilancia: si vari
un nuovo decreto sulle schede. Il ministro dell’Interno, pur ammettendo qualche segnalazione di brogli sul voto all’estero, ha però bruscamente rinviato al mittente le accuse lanciate da
Berlusconi: Io non sono a capo di una banda di furfanti- ha detto Amato- l’Italia non ha bisogno di essere descritta come un paese di brogli quotidiani».

Leggi Anche
Scrivi un commento