Salumificio San Michele è nella lista dei Campioni dell’export stilata dal Sole 24 Ore

Salumificio San Michele è nella lista dei Campioni dell’export stilata dal Sole 24 Ore

C’è anche Salumificio San Michele nella lista dei Campioni dell’export 2022 stilata dal Sole 24 Ore in collaborazione con il portale online di analisi dei dati Statista. L’elenco vuole riconoscere e premiare le 200 aziende italiane che, nel difficile anno 2020, si sono distinte per la loro quota di prodotti esportati. Tanti i settori presi in considerazione: dal meccanico, al farmaceutico al chimico fino ad arrivare, naturalmente, all’alimentare.

San Michele appare al 164° posto nella classifica. L’azienda ha concluso il 2020 con una quota export superiore al 49% per un valore di fatturato di circa 20 milioni di euro. San Michele esporta prosciutti e salumi di qualità in numerosi paesi, tra cui la quasi totalità dell’Europa oltre a USA, Russia, Canada, Argentina e Giappone. Nel 2020, seppur vincolati dalla pandemia, sono approdati oltre oceano anche in Messico e Uruguay. La storia del Salumificio San Michele ha inizio più di 40 anni fa a San Michele Tiorre (Felino), alle porte di Parma, nel cuore della Food Valley. Nasce come prosciuttificio nel 1978 ad opera della famiglia Cremonesi, che ancora oggi ne è proprietaria. Nel corso degli anni allo stabilimento storico si sono aggiunti prima lo stabilimento di Langhirano, poi quello di Offanengo, dedicato al disosso e alla logistica, infine, un secondo impianto sempre a Langhirano, dedicato all’affettamento. La tradizione e l’esperienza acquisite hanno portato l’azienda ad integrare completamente tutte le fasi di lavorazione e produzione dei prosciutti. Grazie a questi ampliamenti, San Michele produce oggi circa 800.000 prosciutti all’anno, di cui 60.000 Parma DOP.

Nei parametri presi in considerazione nello stilare la classifica, oltre ai dati economici certificati, le imprese sono state selezionate per l’offerta di prodotti di alta qualità ed unici, per la capacità di storytelling e di comunicazione delle eccellenze Made in Italy e per la valorizzazione della sostenibilità di prodotto e di filiera.

Leggi Anche
Scrivi un commento