Rafforzate le attività di vigilanza e controllo sull'energia

Roma – L’Autorità per l’energia elettrica e il gas ed il Comando Reparti Speciali della Guardia di Finanza, in attuazione del Protocollo d’intesa ratificato nel dicembre del
2005, hanno ampliato il piano degli accertamenti per il 2008; con tale piano si intensificano le attività di vigilanza e controllo svolte in collaborazione, per garantire una sempre
maggiore tutela dei consumatori.

Le attività di controllo e ispezione sono orientate prioritariamente alla verifica delle condizioni di erogazione dei servizi di pubblica utilità (qualità del servizio,
sicurezza, accesso alle reti, tariffe, incentivi alla produzione, ecc.) e determinano vantaggi e miglioramenti nei servizi erogati ai clienti e ai consumatori finali. In esito a tali
attività ispettive l’Autorità può adottare provvedimenti di tipo prescrittivo o sanzionatorio nei casi di eventuali inadempienze o violazioni della normativa.
Per il 2008 è previsto un significativo incremento ( 29%) degli accertamenti svolti in collaborazione con il Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza: sono infatti
previste 119 verifiche ispettive, a fronte delle 92 effettuate nell’ambito del programma precedente.

Nel periodo 1 aprile 2007 – 31 marzo 2008 sono state effettuate dall’Autorità 114 verifiche ispettive, di cui 92 in collaborazione con il Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di
Finanza e 22 in collaborazione con la Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico. Le verifiche ispettive svolte in collaborazione con il Nucleo Speciale Tutela Mercati della Guardia di Finanza
hanno registrato negli anni un continuo incremento, essendo aumentate dalle 58 del 2004, alle 83 del 2005, alle 88 del 2006, alle 92 nel 2007.

Con il nuovo piano degli accertamenti per il 2008 saranno intensificati gli interventi relativamente alle seguenti aree:
? la verifica della corretta applicazione del coefficiente k di correzione dei volumi nella misura del gas;
? il monitoraggio delle informazioni fornite ai clienti attraverso i punti di contatto degli esercenti il servizio di maggior tutela e l’attività di vendita di energia elettrica ai
clienti del mercato libero per quanto riguarda le modalità di erogazione del servizio di fornitura di energia elettrica, comprese le condizioni economiche e i prezzi di offerta;
? i progetti di risparmio energetico al fine di verificare la correttezza e la veridicità delle dichiarazioni rese dai titolari dei progetti ai fini della certificazione dei risparmi
energetici.

Sarà pure data continuità agli interventi sulle aree già oggetto di verifiche ispettive negli anni precedenti e riguardanti:
? la qualità tecnica e commerciale del servizio nei settori dell’energia elettrica e del gas (al fine di accertare la corretta registrazione delle interruzioni del servizio elettrico;
nonché di verificare la corretta registrazione delle prestazioni di qualità commerciale relativamente alla corresponsione di indennizzi, da parte degli esercenti ai clienti, nei
casi in cui non siano stati rispettati i tempi di esecuzione delle prestazioni previsti dall’Autorità);
? le caratteristiche qualitative del gas (tramite prelievi di gas presso gli impianti di distribuzione, al fine di verificarne il potere calorifico, la pressione e l’odorizzazione del
gas);
? la sicurezza del servizio gas (per accertare la corretta registrazione degli standard di sicurezza del servizio gas mediante verifica delle registrazioni effettuate dagli esercenti rispetto
ai dati comunicati all’Autorità).
? le tariffe di distribuzione elettrica e gas (per accertare la corretta applicazione della normativa tariffaria);
? gli impianti di produzione di energia elettrica incentivata (rinnovabili, assimilati e di cogenerazione);
? i soggetti già sottoposti a provvedimenti prescrittivi e/o sanzionatori dell’Autorità (per verificare che siano stati posti in essere da parte degli esercenti gli adempimenti
prescritti e/o le azioni correttive disposte dall’Autorità).

Il piano degli accertamenti per il 2008 è stato discusso ed approvato in occasione di un incontro tenutosi a Roma il 7 aprile 2008 tra i vertici dell’Autorità e del Comando
Reparti Speciali della Guardia di Finanza alla presenza del Comandante dei Reparti Speciali Gen. C.A. Lucio Macchia e del Presidente dell’Autorità Alessandro Ortis.

Leggi Anche
Scrivi un commento