Pagamento delle sospensioni contributive Marche, Umbria, Campobasso, Foggia, Catania da parte delle aziende agricole

R: Con riguardo agli eventi sismici ed eruttivi per i quali erano state disposte sospensioni contributive per i territori delle Marche, Umbria, Campobasso, Foggia, Catania, come deve
procedere l’azienda per pagare la contribuzione sospesa?

R: Premesso che i contributi oggetto di sospensione sono quelli riferiti al periodo 1 gennaio 2006-31 dicembre 2007, l’Inps con Circolare 19 marzo 2008, n. 35, l’Enpals con Messaggio 19 marzo
2008, n. 3 e l’Inail con la Nota del 14 marzo 2008, n. 2777 in ordine alle modalità di recupero della contribuzione sospesa, hanno stabilito, in conformità a quanto disposto
dall’art. 3 comma 3 dell’Ordinanza Inps n. 3564/2007 (Circ. Inps n. 63/2007) che dal mese di gennaio 2009, le aziende agricole interessate sono tenute al pagamento della contribuzione sospesa,
in unica soluzione, ovvero con ricorso a pagamento rateale.
Quanto agli adempimenti delle Aziende l’INPS ha predisposto per le aziende agricole il modello «SOSP./AGR» da presentare alle Sedi competenti, per mezzo del quale le
Aziende situate nei comuni aventi diritto al beneficio potranno optare per il pagamento prescelto.
Circolare INPS n. 35 del 19 Marzo 2008 – Allegato n 1.pdf

Le rate già versate in virtù della precedente Ordinanza n. 3564/2007 sono ovviamente oggetto di rideterminazione del debito.
Quindi per quanto attiene gli eventi sismici settembre 1997 nei comuni di Marche e Umbria. È stato ulteriormente prorogato al 30 aprile 2008 il termine per il recupero da parte degli
enti previdenziali dei contributi non corrisposti per le sospensioni intervenute.
Per le province di Campobasso e Foggia la nuova ordinanza di Palazzo Chigi n. 3642/2008 proroga al 19 gennaio 2009 la riscossione dei contributi oggetto di sospensione per il periodo dal 1°
gennaio 2006 al 31 dicembre 2007. Dal mese di gennaio 2009 le aziende sono tenute a pagare i contributi sospesi, in unica soluzione ovvero con 24 rate mensili.

La sospensione riguarda non solo le aziende agricole assuntrici di manodopera, ma anche i coltivatori diretti, mezzadri, gli imprenditori agricoli professionali, i piccoli coloni e
compartecipanti familiari.
La sospensione non riguarda la presentazione delle dichiarazioni trimestrali (DMAG-UNICO) e annuali (ACC1/PC/CF).
Per quanto attiene agli eventi sismici ed eruttivi del 29 ottobre 2002 in provincia di Catania la L. n. 31/2008 ha prorogato al 30 giugno 2008 il termine previsto per i datori di lavoro
privati, aventi sede legale od operativa nei comuni di Catania colpiti dall’Etna, di definire la propria posizione debitoria relativa ai contributi sospesi nel periodo 29 ottobre 2002 – 31
marzo 2004.
Gli interessati possono pagare il dovuto con lo sconto del 50%: o in unica soluzione entro il 30 giugno 2008 o in 17 rate mensili di cui la prima scadente il 30 giugno 2008.

Leggi Anche
Scrivi un commento