Mauro (FI): «scongiurato il rischio delegittimazione per l'insegnamento religioso nelle 15 scuole europee»

«La proposta avanzata presso il Consiglio Superiore della Scuole Europee la settimana scorsa, e apparentemente giustificata da motivazioni puramente organizzative ed economiche, di
introduzione dell’insegnamento della religione per i gruppi meno numerosi, solamente in inglese, francese o tedesco è stata respinta, scongiurando il rischio che nelle Scuole Europee
venisse meno il rispetto di un principio che per anni è stato affermato come cardine della costituzione Europea, quello del multilinguismo.

Un alunno deve conoscere quale è la sua identità e quindi la sua storia, i genitori devono essere liberi di poter dare al proprio figlio l’educazione, anche religiosa, che credono
migliore per la loro crescita. Non verranno meno, in questo senso, l’impegno e la dedizione formalizzati nei giorni scorsi in una mia lettera al Consiglio volta a stigmatizzare i retroscena di
questa tentata delegittimazione dell’insegnamento di religione.» Lo ha affermato Mario Mauro, vicepresidente del parlamento europeo e membro della commissione bilancio.

Leggi Anche
Scrivi un commento