Marzabotto: ferrovie della Stato e comune insieme per migliorare la stazione

Nella stazione di Marzabotto sono già iniziati i lavori per ripristinare le parti danneggiate dagli atti di inciviltà verificatisi in questi ultimi periodi, la prossima primavera
verrà avviata la raccolta differenziata dei rifiuti e verranno separati gli spazi dedicati ai fumatori e ai non fumatori.

Tutto questo in linea con quanto già avviene in altre stazioni dell’Emilia Romagna, dopo l’avvio del progetto «Obiettivo stazioni pulite», lanciato dal Gruppo FS su tutto il
territorio nazionale a marzo 2007.

Da alcuni mesi, infatti, è stata avviata una stretta collaborazione tra Comune di Marzabotto e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS). L’obiettivo è quello di migliorare la
qualità del servizio offerto nella stazione ferroviaria e aumentare la sensibilità dei cittadini per il rispetto di un bene della collettività.

La pulizia della stazione è uno degli aspetti su cui si sono maggiormente concentrati l’attenzione e l’impegno. La sala d’attesa, inoltre, è stata completamente ritinteggiata
mentre il sottopassaggio, ripulito e illuminato, è stato decorato grazie ad un intervento di aerosol art. I murales sono stati realizzati dai ragazzi del centro giovanile che ha sede in
uno dei locali della stazione, messo a disposizione da RFI nel progetto condiviso di riqualificazione della stazione. «Le stazioni sono spesso annoverate fra i «non luoghi»
per eccellenza. Rete Ferroviaria Italiana, invece, le vede come piccole piazze cittadine, parti del territorio, un bene di tutti da usare, rispettare e tutelare», sottolinea Orazio
Iacono, Direttore Compartimentale Movimento Bologna. «Per questo abbiamo pensato, dopo i recenti atti di inciviltà, di rafforzare ancora di più il rapporto con il Comune,
anche attraverso la gestione ottimale degli spazi non più funzionali al servizio ferroviario, affidati all’amminiztrazione comunale con un accordo di comodato d’uso.» E proprio
grazie a questa sinergia, dopo il primo intervento sul fabbricato che ospita il centro giovanile, il Comune ha curato la ristrutturazione dell’edificio dell’ ex magazzino merci, che
ospiterà una scuola di musica.

«Una stazione è per sua natura un luogo di transito, in particolare di giovani studenti, ecco perché abbiamo deciso di qualificare quella di Marzabotto come luogo di
aggregazione giovanile» – commenta il sindaco Edoardo Masetti. «Grazie all’accordo di comodato d’uso gratuito, siglato con RFI – insieme alle Ferrovie abbiamo ristrutturato da
più di un anno un primo fabbricato non più strumentale all’attività ferroviaria, che è diventato la sede del centro giovanile, dove cerchiamo di sviluppare la
creatività e il protagonismo dei nostri ragazzi. Ora stiamo completando la ristrutturazione dell’ex magazzino della stazione, trasformandolo in centro di produzione musicale. Come
già il centro giovanile, anche quello di produzione musicale sarà in parte autogestito dai ragazzi, poiché siamo convinti che la migliore educazione al rispetto del bene
comune si formi, nei giovani, attraverso assunzione di responsabilità anche nella tutela diretta degli spazi di aggregazione. Capacità dimostrata in modo egregio da tantissimi
nostri ragazzi e che ci fa considerare i danneggiamenti di questi mesi, seppur gravi e inaccettabili, più dovuti a comportamenti di inconsapevolezza e inciviltà che non
appartengono certo solamente ai giovani. Il mio apprezzamento – prosegue il sindaco – va anche al progetto di Rete Ferroviaria Italiana di raccolta differenziata e di creazione di aree separate
per fumatori e non, proprio per l’aspetto educativo che riveste».

Leggi Anche
Scrivi un commento