Madri grasse, più rischio obesità per le figlie

Madri grasse, più rischio obesità per le figlie

Un peso superiore per le madri durante il periodo di gravidanza, aumenta il rischio di obesità delle figlie femmine quando queste raggiungono i 18 anni.

Questo il messaggio di una ricerca della University of North Carolina Chapel Hill’s School of Medicine, diretta dalla dottoressa Alison Stuebe e pubblicata dall’ International Journal
of Obesity.

Gli studiosi hanno lavorato con più di 24.000 nuclei familiari composti da madre/figlia.

Essi hanno così potuto notare come le le probabilità di avere una figlia obesa raddoppino nel caso che il peso della futura mamma al momento di concepire sia di circa 70 kg
rispetto a un’altra che pesi circa 57 kg.

Inoltre, i ricercatori hanno constatato l’ importanza di variazioni di peso anche minime durante la gravidanza: sul rischio obesità dei figli.

Anche se è molto significativo il peso prima di essere restate incinta, una donna che aumenta di peso di circa 18/19 kg durante la gestazione vede aumentare del doppio le
probabilità che i proprio figli soffrano di obesità durante il corso della loro vita, rispetto a un’altra donna che aumenti di soli 6/8 kg.

Al fine di salvaguardare la salute delle ragazze (e la propria), la dottoressa Stuebe suggerisce alle madri una dieta per raggiungere il peso-forma, completata poi da terapie ad hoc durante la
gravidanza per non aumentare esageratamente.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento