La filiera dello zucchero invia una lettera aperta a Berlusconi

La filiera dello zucchero invia una lettera aperta a Berlusconi

Roma – Industriali, agricoltori e sindacati, tutta la filiera dello zucchero, hanno acquistato pagine pubblicitarie nei maggiori quotidiani italiani per rendere pubblica la lettera aperta
al presidente del Consiglio nella quale si chiede al governo “il rispetto degli impegni assunti dallo Stato italiano in sede comunitaria, sulla base dei quali le imprese agricole e industriali
hanno elaborato i propri programmi ed effettuato gli investimenti, anche a sostegno dell’occupazione”.   

Ciò che preoccupa sono gli aiuti nazionali autorizzati dall’Ue a fronte della “dolorosa riforma” dell’Ocm zucchero che ha comportato la chiusura di 15 zuccherifici su 19 e il taglio
drastico della produzione nazionale ora ridotta a un terzo (508.000 tonnellate pari al 30% del fabbisogno nazionale).   

Mentre per il 2006, 2007, 2008 questi aiuti sanciti nel “piano per la ristrutturazione per il settore bieticolo saccarifero” sono stati erogati “a tutt’oggi – lamentano i protagonisti della
filiera nella lettera al premier – non sono state ancora stanziate le risorse per il 2009 (43 mln) e anche per il 2010 la finanziaria attualmente in discussione non prevede i 43 milioni di euro
di competenza”.  

Il mondo dello zucchero sottolineano che la “mancata erogazione di questi importi metterebbe in ginocchio il settore nazionale con un impatto drammatico sul futuro occupazionale dei lavoratori
attualmente occupati e determinano la totale dipendenza dei consumatori e delle industrie italiane dalle disponibilità di approvvigionamento da parte dei produttori e dei commercianti
esteri”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento