La Contea di Neive: Tradizionale gran pranzo del Vendemmiatore

La Contea di Neive: Tradizionale gran pranzo del Vendemmiatore

(incipt di Attilio Scotti)
“vini d’eccezione e uno spartito che comprende tutti, ma proprio tutti i saperi & sapori longaroli: occasione unica per una giornata in uno dei borghi più belli
d’Italia, senza affanni, passi lenti tra contrade fresche, dove la cinciallegra abita ancora e senti nell’aria pulita,e quasi rarefatta, quella leggera fragranza di grappa che un grappaiolo
angelico distillava mentre risuona, leggero, sferragliare di treno che superando la piccola stazione s’infila nel nero di una galleria “

————–
ps: c ‘è qualcosa quasi irreale nel prezzo di questo pranzo settembrino: una contenutezza senza pari, e qui c’è dentro tutta l’anima di Tonino patron  della Contea, oste
rutilante ma vero, onesto e leale, e dove la parola dignità è di casa.

Dove andiamo a pranzo?
Domenica 5 settembre 2010, Tradizionale gran pranzo del Vendemmiatore
sulla Piazza Cocito a Neive  alle ore 12.30 – 13,00

Il menu:
Salumi del buon norcino
 Battuta di giovane vitella piemontese
Tonnato all’antica maniera
Galletto alle pesche dei Balluri
Lingua in salsa dell’ortolano
Lasagnette alla neivese e piccoli ravioli accomodati alle tre carni
Arrosto umido rifinito alla nocciola tonda gentile di Langa e tocchi di agnello al forno con legumi di stagione
Toma di Roccaverano
Dolci delizie di Langa

VINI:
Roero Arneis Tunin 2009
Dolcetto d’Alba Paciocchi 2009
Barbaresco Ripa Sorita 2006
Moscato d’Asti Scricciolo 2009 di Claudia e Tonino (La Contea di Neive) Caffè

Euro 33 Tutto compreso
Prenotate per tempo per non rischiare di trovare i posti esauriti  
Tel: 0173- 67126, 677558, 677585, 67367 anche fax

Email:  lacontea@la-contea.it
 
Alessandro, Elisa, Claudia e Tonino

Redazione Newsfood.com

Notizie e curiosità su Neive (CN)
(Da Wikipedia, l’enciclopedia libera)
Neive (Nèive in piemontese) è un comune di 3.147 abitanti della provincia di Cuneo, nelle Langhe.
Il suo centro storico conserva un impianto medievale, fatto di stradine
acciottolate che salgono verso la Torre dell’Orologio e di eleganti palazzi in cotto. È stato inserito nel club de “I Borghi più Belli d’Italia”, creato della Consulta del Turismo
dell’Associazione dei Comuni Italiani (ANCI).
Dall’alto del borgo si ha un’ampia vista delle colline circostanti coltivate a vite: è zona di produzione di grandi vini D.O.C e
D.O.C.G.

Terra dei Quattro Vini  
La strade che conducono a Neive attraversano il paesaggio tipico delle Langhe, fatto da bianche colline coltivate a vite: siamo in una zona di produzione di grandi vini. Neive è infatti
anche meta di visite alle proprie aziende vinicole, spesso ospitate in dimore signorili, come il settecentesco Palazzo dei Conti di Castelborgo.
Quattro sono i tipi di vini che si producono sulle colline neivesi:
    •    Barbera d’Alba;
    •    Dolcetto d’Alba;
    •    Barbaresco;
    •    Moscato d’Asti.
Nelle vecchie cantine del Palazzo Borgese (chiamate in dialetto infernot), rese accessibili da un vicolo esterno, si trova oggi la Bottega dei Quattro Vini che promuove – e consente di gustare –
la produzione delle cantine vinicole della zona.

Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento