La Cia di Viterbo sul Psr laziale

Viterbo – Finalmente sembra essere definitivamente approvato dalla Commissione europea il nuovo Psr della Regione Lazio, un occasione unica per l’agricoltura viterbese, forse l’ultima di
una certa consistenza, la Cia di Viterbo, come d’altronde tutto il mondo agricolo laziale, era molto tempo che attendeva questa gradita notizia, finalmente si inizia a rilanciare un settore che
ha un bisogno assoluto di investire e modernizzare.

Da parte nostra abbiamo -afferma la Ci di Viterbo- già da tempo iniziato a divulgare e a diffondere in mezzo agli agricoltori e fra le nostre aziende la straordinaria opportunità
che abbiamo davanti. Abbiamo fatto diverse iniziative insieme alla Regione Lazio e alla Provincia di Viterbo mirate ai soggetti che secondo noi saranno i più sensibili all’uso di questo
strumento di finanziamento e sviluppo del territorio. In particolare le categorie con maggiori possibilità saranno i giovani imprenditori agricoli, le donne e le imprese trasformatrici
dei prodotti.

“Crediamo nell’Agricoltura viterbese -dichiara il presidente provinciale della Cia di Viterbo Petronio Coretti- crediamo nei nostri agricoltori e alle nostre imprese, la zona del viterbese
rimane la maggiore provincia agricola della Regione Lazio. L’agricoltura della Tuscia dovrà diventare l’eccellenza dell’economia provinciale ma soprattutto regionale. Crediamo che il Psr
sarà un opportunità storica che unità alla grande capacità degli imprenditori agricoli viterbesi di fare impresa potrà creare occupazione e sviluppo del
territorio”. Quindi, un occasione storica da valorizzare e da non perdere assolutamente, per questo la Cia di Viterbo da parecchio tempo ormai ha istituito uno sportello di professionisti che
ha il compito di assistere e sostenere le imprese agricole nella difficili fase della progettazione. Un particolare ringraziamento lo facciamo alle istituzioni pubbliche, in particolare la
Regione che con il risultato raggiunto ha dimostrato serietà e correttezza nei confronti degli imprenditori agricoli laziali.

Leggi Anche
Scrivi un commento