Iva sulle pay tv, Berlusconi: quando Tremonti chiarirà le ragioni dell’innalzamento, la sinistra perderà la faccia

Iva sulle pay tv, Berlusconi: quando Tremonti chiarirà le ragioni dell’innalzamento, la sinistra perderà la faccia

 

“Quando Tremonti avrà chiarito le ragioni del suo agire a proposito dell’innalzamento dell’Iva per le tv a pagamento, la sinistra ancora una volta perderà
completamente la faccia di fronte agli italiani”. Lo ha affermato il presidente Silvio Berlusconi durante una conferenza stampa a Tirana, a proposito della norma sull’Iva delle
pay-tv.

“Considero la reazione della sinistra una cosa vergognosa. C’e’ un’Iva al 20% per tutti e Sky aveva il 10%. Se la sinistra chiede, difendendo i ricchi e i consumi non
necessari pur di andare contro di noi tirando addirittura in ballo il conflitto di interessi, io non ho nulla in contrario”.

“Di questa cosa non sapevo niente, è una cosa fatta al ministero delle Finanze; il ministro delle Finanze e’ andato a vedere dove ci fossero sprechi e privilegi e ha
deciso di fare questa norma. Quando ho domandato al ministro Tremonti come mai avesse introdotto la norma che aumenta l’Iva dal 10 al 20% per le pay-tv, lui mi ha dato una
certa risposta che adesso vi darà lui e lasciamogliela dare solo a lui”.

“Però visto come ha reagito la sinistra, adesso io aspetto di vedere cosa farà la sinistra quando Tremonti avrà chiarito le cause del suo agire e ancora una
volta, secondo me, la sinistra perdera’ completamente la faccia di fronte agli italiani”.

Ai giornalisti che gli chiedevano quali siano queste ragioni, Berlusconi non ha risposto, limitandosi ad attaccare nuovamente l’opposizione: “C’e’ stato un atto
vergognoso da parte della sinistra che ancora una volta ha tirato in ballo me e il conflitto di interessi: si vergognino e si vergogneranno fino alla fine, vedrete!. Lasciatemi
divertire una volta tanto…”.

Dopo l’intervento di Tremonti e prima di ripartire da Tirana dove si trovava in visita ufficiale, il presidente Berlusconi è ritornato sul tema.

“Ho detto testualmente che se l’opposizione fosse seria dovrebbe insistere per ottenere per Sky il ritorno alla condizione di privilegio precedente che e’ il 50%
dell’Iva e cioe’ se dal 20% si passa al 10%”. Ai giornalisti che citando il ministro dell’Economia Tremonti hanno rilevato che si tratta di una misura per la quale si
era impegnato il governo Prodi, ha risposto:

“E allora? Era giusto venirmi addosso? Era giusto fare questa vergognosa campagna di attacco al presidente Berlusconi e al conflitto di interesse?”. Questa sinistra non ha vergogna
per quello che ha fatto in questi due giorni. Primo perche’ non c’entravo niente; secondo perchè era un fatto obbligato: l’alternativa era di riportare
l’Iva di tutti gli audiovisivi, Mediaset compreso al 50% del 20%”.

E in questo senso chiarisce ulteriormente Berlusconi, “Tremonti ha rimediato a un privilegio indebito nei confronti di Sky. Io non c’entravo niente e la sinistra si e’
appalesata per quella che e’”. Poi, ironizzando, Berlusconi ha osservato: “E’ chiaro che se poi vogliono tornare indietro… e’ chiaro che siccome io sono quello del
conflitto di interessi, faccio festa perchè tutte le televisioni private, provinciali e regionali e tutti gli audiovisivi, e quindi anche Mediaset avranno una riduzione
dell’Iva pari a quella che ha avuto indebitamente Sky in tutti questi anni”.

Berlusconi, così come nel pomeriggio Tremonti ha spiegato a Bruxelles in occasione dell’Ecofin, ha ricordato: “La Commissione europea ci ordina che se non ci fosse
parità di trattamento per tutte le imprese audiovisive avvierebbe una procedura di infrazione”.

Leggi Anche
Scrivi un commento