Ingiustificata la psicosi degli alimenti campani

Roma – L’allarme per i prodotti alimentari provenienti dalla Campania è del tutto ingiustificato, è quanto afferma l’Unione Nazionale Consumatori che invita i consumatori a
comprare tranquillamente i prodotti campani osservando, in primo luogo, che gli accumuli di rifiuti sono nei centri urbani e non nelle campagne, quindi non c’è alcun rischio che possano
contaminare ortofrutticoli e prodotti di origine animale come il latte e le mozzarelle.

In caso contrario bisognerebbe preoccuparsi di tutte le discariche d’Italia, che oltretutto sono dislocate fuori dai centri urbani.
L’eventuale contaminazione microbica da parte dei rifiuti organici, afferma ancora l’Unione Consumatori, è esclusa poiché potrebbe avvenire tutt’al più a distanza di
qualche metro, mentre i rifiuti inorganici sono praticamente inerti e le esalazioni maleodoranti sono soltanto gas che si disperdono nell’aria circostante. Per quanto riguarda la diossina,
conclude il comunicato, si produce quando alcuni rifiuti, che sono una minima parte, vengono bruciati al di sotto di certe temperature. Ma i rifiuti campani rimangono lì o vengono
«esportati».

Leggi Anche
Scrivi un commento