Ineos di Rosignano, l'assessore Simoncini ha incontrato i sindacati

I problemi legati alla ristrutturazione dell’azienda Ineos di Rosignano sono stati al centro dell’incontro avuto oggi dall’assessore all’istruzione, formazione e lavoro Gianfranco Simoncini con
i rappresentanti sindacali aziendali e i sindacati provinciali della categoria dei lavoratori chimici.

La Ineos è una realtà produttiva importante all’interno del parco industriale della Solvay: si tratta di una multinazionale che lavora nel settore della produzione di polietilene
e occupa circa 250 addetti che, con l’indotto, arriva circa 400 persone. Oggi l’azienda è interessata a un processo di riorganizzazione che preoccupa i sindacati, in particolare per
quanto riguarda i possibili effetti sul settore, cruciale, della ricerca.

«Prendiamo atto – ha detto l’assessore dopo aver ascoltato i rappresentanti dei sindacati – delle giuste preoccupazioni dei lavoratori, in particolare per quanto riguarda il futuro
assetto dell’azienda che non può vedere penalizzata la ricerca. L’attività che viene svolta oggi all’interno della Ineos è una lavorazione di qualità, rappresenta
una ricchezza per l’intero settore manifatturiero toscano e la Regione sostiene pertanto le richieste dei lavoratori che prevedono un suo rafforzamento. In particolare si ritiene giusta la
posizione delle organizzazioni sindacali tesa, nella disponibilità a confrontarsi con i processi di ristrutturazione, a difendere le funzioni della ricerca, che rappresentano un presidio
fondamentale per il mantenimento e lo sviluppo delle lavorazioni a Rosignano».

L’assessore ha preso l’impegno di sostenere le rivendicazioni dei lavoratori in questo senso e di seguire da vicino la vicenda.
Nel corso della riunione è stato posto anche il tema del “progetto Rosignano” (che prevede, all’interno del parco industriale, anche la realizzazione di un impianto di rigassificazione
finalizzato alla produzione industriale). L’assessore Simoncini ha preso l’impegno di trasmettere le istanze dei sindacati del territorio al presidente Martini e all’assessore all’ambiente e
politiche energetiche Annarita Bramerini.

Barbara Cremoncini

Leggi Anche
Scrivi un commento