Il pesce per guarire dalla depressione

Il pesce per guarire dalla depressione

Consumare pesce per combattere la depressione, grazie alla creatina in esso contenuto.

E’ quanto emerge da una ricerca dell’Università dello Utah, diretta dal professor Perry Renshaw e pubblicata sul “American Journal of Psychiatry”.

Basandosi su ricerche passate, gli scienziati hanno preso in esame creatina, aminoacido abbondante in carne e pesce. Nel corpo umana viene sintetizzata dal fegato ed è componente
importante del processo energetico legato all’attività fisica. Così, gli esperti hanno ipotizzato come tale stimolo energetica potesse diventare complementare alle terapie
tradizionali.

In cerca di conferme, Renshaw e compagni hanno creato un campione di lavoro: 52 donne di età compresa tra i 19 e i 65 anni, tutte affette da depressione maggiore o MDD.

Tale campione è stato diviso in due gruppi: il primo gruppo ha abbinato ai farmaci standard 5 mg di creatina al giorno, il secondo (gruppo di controllo) si è limitato al
trattamento farmacologico.

I controlli hanno messo in luce come il primo gruppo mostrasse una più rapida riduzione dei sintomi rispetto al gruppo di controllo.

Come ricorda il dottor Renshaw, la terapia contro la depressione si basa su inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI). Per quanto validi, tali prodotti presentano due
grandi problemi: non sono efficaci per tutti ed hanno bisogno di tempo per agire, e molti pazienti abbandonano presto la cura.

Ecco allora la creatina: secondo il capo-ricercatore, questa potrebbe agire da supporto, aiutando il paziente a mantenere la cura ed ottenere risultati migliori.

Comunque sia, il gruppo di lavoro ha in agenda ulteriori sperimentazioni per ottenere dati più significativi.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento