I nostri alleati non temano… ma nessuno ha il posto fisso

I nostri alleati non temano… ma nessuno ha il posto fisso

Ministro Luca Zaia, dobbiamo aspettarci uno spoil system assai spinto se diventerà presidente della Regione?

«Mi permetto di citare umilmente papa Giovanni Paolo Il: non abbiate paura».

Però qualche paura ci dev’essere, se nel Pdl temono «liste nere» di esclusi dal nuovo corso.

«Non faccio liste di proscrizione, non è nel mio stile. Però vorrei chiarire un paio di cose».

La prima?

«Sono fortemente indispettito dal fatto che una mia dichiarazione sia stata strumentalizzata e interpretata ad arte per tirare avanti la polemica».

Strumentalizzata ad arte?

«Certo. Ho risposto a chi mi chiedeva come mi sarei regolato in caso di comportamenti sleali in campagna elettorale e ho dichiarato che costoro pagheranno dazio. Faccio un esempio: se
qualcuno dovesse propagandare il voto disgiunto (lista di centrodestra e candidato presidente di un altro schieramento, ndr), lo riterrei un comportamento molto sleale. Ho detto qualcosa di
strano? Lo ribadirò finché avrò forza: è in campo una coalizione Lega-Pdl e il candidato presidente rappresenta entrambi».

www.lucazaia.it

Leggi Anche
Scrivi un commento