Grapperie Aperte con Mazzetti D'Altavilla

Oltre un migliaio di persone hanno condiviso con Mazzetti d’Altavilla la giornata di ‘Grapperie Aperte’, il tradizionale appuntamento autunnale promosso dall’Istituto Nazionale Grappa; è
stata un’autentica festa per il Distillato di bandiera, l’appuntamento più atteso per appassionati, consumatori e curiosi alla ricerca di prodotti genuini e originali. In primo piano la
figura del Mastro Distillatore, l’unico grande depositario dell’arte della distillazione, che ha condotto i visitatori in un appassionante viaggio tra alambicchi, barriques e cantine di
invecchiamento. Le visite guidate sono state organizzate durante l’intera giornata di domenica per i visitatori provenienti da tutto il Piemonte, ma anche da Lombardia e Liguria. Mazzetti
d’Altavilla ha spalancato le porte a un pubblico sempre più esigente, attratto dalla cultura del “bere bene” e del “bere consapevole”.

Come annunciato infatti, Mazzetti d’Altavilla, aderendo all’appello dell’Istituto Grappa Nazionale, ha promosso in questa giornata una campagna di sensibilizzazione alla Guida Sicura, ideando
il braccialetto “No grazie ? OGGI GUIDO IO!”. Per ogni gruppo in visita, giunto con un proprio automezzo, è stato infatti individuato il guidatore a cui è stato chiesto di
indossare il braccialetto che è servito a identificarlo al fine di non servirgli assaggi di bevande alcoliche, per la sua sicurezza e per quella dei suoi compagni di viaggio Un
sacrificio, che all’uscita dalla distilleria è stato ‘premiato’ mediante l’omaggio di una piccola bottiglia di grappa, da assaporare a casa, dopo aver guidato a destinazione i propri
ospiti!

Il programma della giornata è stato ricco di appuntamenti con interessanti contaminazioni tra grappa, arte e cucina? Con degustazioni di piatti sfumati alla grappa, ma anche
Cocktails e dolci tentazioni. Numerose sono infatti state le donne che hanno partecipato alle degustazioni di Grappa in abbinamento ai deliziosi Marrons Grappès e Marrons Glacès
curate dalle Donne della Grappa.

Presente l’artista Claudio Rabino che ha accompagnato i visitatori alla scoperta delle sue opere e della sua arte, attraverso la mostra personale di quadri che resterà visitabile fino
alla fine del mese.

La manifestazione ha riscosso notevole successo anche da parte dei media: presenti tutto il giorno le telecamere di Rai Due – Tg Eat Parade e di Mototurismo – Sky per parlare dell’ormai
consueto appuntamento autunnale di Grapperie Aperte tra le dolci colline del Monferrato.

“Grapperie Aperte – spiega Claudia Mazzetti, Responsabile marketing e comunicazione di Mazzetti d’Altavilla nonché Presidente delle Donne della Grappa – ha confermato ancora una volta la
grande vitalità della sua formula e l’interesse per un prodotto – la grappa – che attraverso la sua tipicità sa parlare anche di un territorio, nel nostro caso specifico del
Monferrato, costituito da tante eccellenze tra loro differenti. La grappa dunque, come ambasciatrice ideale del nostro e di tutti i territori italiani!

Siamo inoltre felici dell’interesse e dell’ approvazione riscontrate da parte del pubblico per l’iniziativa “Guida Sicura”. Un piccolo gesto, certo, quello di indossare il braccialetto che
però aiuta in quella campagna di sensibilizzazione, mai così importante come in questi tempi, anche se in realtà noi produttori di grappa siamo sempre stati per un consumo
sereno del prodotto! Stiamo pensando di distribuire i braccialetti anche ai nostri clienti, ristoranti, bar, enoteche, wine bar…, affinché lo distribuiscano a loro volta ai loro
consumatori, per diffondere soprattutto tra i giovani, un comportamento di consapevolezza: chi guida non beve.”

Grapperie Aperte con Mazzetti d'Altavilla

Mazzetti d’Altavilla – Distillatori dal 1846 scalda i motori in vista della prossima edizione di Grapperie Aperte, il tradizionale appuntamento autunnale organizzato dall’Istituto Nazionale
Grappa, e per il Piemonte, dall’Istituto Grappa Piemonte, in cartellone domenica 14 ottobre (dalle 10 alle 19).

Una giornata interamente dedicata al distillato italiano per eccellenza, Mazzetti d’Altavilla-Distillatori dal 1846, aprirà ad appassionati e a neofiti le porte dell’azienda, per svelare
tutti i segreti della grappa, la sua tradizione, i suoi legami con il territorio e, in particolare, con i celebrati vitigni piemontesi.

Ma quest’anno Grapperie Aperte per Mazzetti d’Altavilla sarà anche un’occasione di impegno sociale e di riflessione. L’argomento è venuto alla ribalta durante la “Chiacchierata
tra gli Alambicchi” svoltasi lo scorso 7 settembre in occasione del Teatro in Distilleria: durante il dibattito Paolo Massobrio ha invitato i presenti, Giorgio Calabrese, Bruno Gambacorta, gli
Assessori Mino Taricco e Davide Sandalo insieme a Claudia Mazzetti, a confrontati su vari temi legati alla cultura del gusto e del buon bere? inevitabile una riflessione sullo scottante tema
della relazione tra alcool e guida.

Ne è sorta una idea, un’ipotesi di percorso che è stata fatta propria dall’Istituto Nazionale Grappa che ha coinvolto tutte le Distillerie socie nel proposito di sensibilizzare al
bere consapevole e alla moderazione, invitando così ogni socio ad organizzare iniziative adeguate per questa edizione di Grapperie Aperte.
“Da sempre siamo per un consumo sereno della grappa” – afferma Cesare Mazzetti, presidente dell’Istituto Nazionale Grappa – “Per questo l’Istituto Nazionale Grappa ha invitato tutte le
distillerie che aderiscono a Grapperie Aperte 2007 a sostenere e a promuovere la figura del ‘guidatore designato’, ovvero a invitare una persona per ogni gruppo di visitatori a non assaggiare
per essere in grado di riaccompagnare in totale sicurezza gli amici a casa.”

Mazzetti d’Altavilla ha così trasformato il progetto dell’Istituto in una originale campagna di sensibilizzazione: “Operazione Guida Sicura: No grazie ? Oggi Guido io!”.

Precisa Claudia Mazzetti Resp. Marketing Mazzetti d’Altavilla “Traendo spunto dal fatto che in molti Paesi è ormai comunemente accettato il fatto che al ristorante, o nelle cene private,
chi guida per quella sera rinuncia ad avere il bicchiere davanti a sé, si è deciso di diffondere questo comportamento anche in Italia, proponendolo proprio per Grapperie Aperte
con una simpatica operazione: gli ospiti che si recheranno in distilleria guidando un automezzo verranno invitati a vestire un braccialetto, simbolo della campagna. Il braccialetto
servirà a identificarli, e ad essi non verrà servito, per quel giorno, alcun assaggio alcolico.

Un sacrificio, che all’uscita dalla distilleria verrà ‘premiato’ mediante l’omaggio di una piccola bottiglia di grappa, da assaporarsi a casa, dopo aver guidato a destinazione i propri
ospiti”!

Per Mazzetti d’Altavilla il braccialetto in realtà vorrebbe poter essere l’inizio di un’operazione ben più profonda di “ri-educazione” alla buon bere e alla moderazione: un
simbolo, che potrebbe essere adottato da molti ristoratori, per i quali quindi dovrebbe diventare di uso normale la identificazione del guidatore (o dei guidatori) in ciascun tavolo, riservando
ad essi solo il bicchiere per le bevande analcoliche.

Mazzetti d’Altavilla, insieme all’Istituto Nazionale Grappa, concordano che il distillato italiano di bandiera, come il vino, non sono i principali responsabili delle tante tragedie che
affliggono le nostre strade: ben altri intrugli, e ben altri superalcoolici del bere miscelato attraggono i nostri giovani e – complici il ghiaccio, la musica assordante e la danza fino a tarda
ora – si trasformano in micidiali armi di offesa, come giustamente ha testimoniato l’assessore Mino Taricco durante la sopra nominata “Chiaccherata tra gli alambicchi” tenutasi il 07 settembre
scorso.

Tuttavia l’iniziativa sviluppata in occasione di Grapperie Aperte vuol essere un primo segno, una testimonianza dell’impegno corale che anche i produttori di superalcolici possono prendere nel
cercare di arginare un fenomeno sociale di grande attualità e di enorme danno: Mazzetti d’Altavilla ne è, insieme a molti altri, un entusiasta sottoscrittore.

Leggi Anche
Scrivi un commento