Tre GIORNATE ESAGELATE di Settembrini e Alberto Marchetti a Roma

Tre GIORNATE ESAGELATE di Settembrini e Alberto Marchetti a Roma

Alberto Marchetti12, 13 e 14 Settembre, Via L. Settembrini, 21 Roma

SETTEMBRINI e ALBERTO MARCHETTI
organizzano
TRE GIORNATE ESAGELATE!

Settembrini_Marchetti (8) 2Roma si prepara a vivere un fine settimana all’insegna della dolcezza! Alberto Marchetti, maestro gelatiere torinese che ha recentemente aperto nella capitale il suo quinto negozio, porta anche da Settembrini il format “giornate esagelate”.

Dal 12 al 14 settembre vi aspettano tre giorni ricchi di gelato artigianale e di alta qualità, perché lo storico locale romano ospiterà una triade di tutto rispetto nel settore della gelateria, radunata per l’occasione dal maestro gelatiere torinese. Paolo Brunelli, Grianfranco Cutelli e Raffaele del Verme: nomi che suonano come una sinfonia per gli ice cream addicted mentre, per coloro che con il gelato hanno un rapporto più immediato e diretto, le “giornate esagelate” diventano una golosa occasione di degustazione per assaggiare ricette insolite e ricercate, provenienti da diverse regioni d’Italia.

Si comincia venerdì 12 con Raffaele Del Verme della gelateria di Matteo Torchiara (SA); il 13 sarà invece Gianfranco Cutelli, della gelateria “De’ Coltelli” di Pisa, a proporre “A Serena”, un gusto legato al suo territorio di origine, una crema con ricotta di pecora, miele di spiaggia e pinoli del parco di San Rossore.

A chiudere la manifestazione domenica 14 sarà Paolo Brunelli, sperimentatore di miscele e ingredienti nel suo laboratorio di fronte al Palazzo del Comune ad Agugliano (Ancona).

Il gusto che potrete assaggiare per l’occasione è quello che porta il suo nome, la “Crema Brunelli”: unica e perfettamente bilanciata, questa specialità ha alle spalle una lunga storia di ricerca e perfezionamento (la prima versione nasce 10 anni fa) che la portano a diventare nel 2011, per l’Accademia Italiana Gastronomia Storica, Premio Gourmet legato al concetto di gastronomia.

Si tratta di una crema di tradizione italiana arricchita dal cioccolato Puertomar di provenienza venezuelana dell’azienda Domori e dalle nocciole caramellate di un piccolo agricoltore di Cravanzana delle Langhe piemontesi. A completare la ricetta delicate sfumature di sapore conferite dal caffè Huehuetenango del Guatemala, dalla vaniglia di Mananara del Madagascar e da alcune gocce di un’eccellenza marchigiana, l’anice secco speciale dell’Azienda Varnelli.

Mascia Maluta
Newsfood.com

 

NOTE SU ALBERTO MARCHETTI

ALBERTO MARCHETTI. FIDUCIA, CURA E CONDIVISIONE

Alberto Marchetti è, ormai da molti anni, sinonimo di qualità e professionalità nel mondo della gelateria. Premi, riconoscimenti e soprattutto la fedeltà e il passaparola dei clienti fanno delle sue gelaterie in Italia  un punto di riferimento per tutti i golosi e i gourmet. Storia e passione, tradizione e creatività, semplicità e ricerca si incontrano nel suo gelato che resta, indiscutibilmente, una vera esperienza del gusto.
La storia tra Alberto e il gelato inizia presto, da bambino, quando aiutava il papà in gelateria. E di quegli anni, di quei sapori, lui ricorda perfettamente la gioia, la ricchezza, la genuinità, la freschezza, valori che anche oggi cerca di trasferire nella preparazione dei suoi gelati.
Fiducia, cura, condivisione, le tre parole che meglio descrivono il suo lavoro e il brand Alberto Marchetti da lui creato.
Tutto ruota attorno alla convinzione che solo riuscendo a mettere davvero se stesso nel proprio lavoro, questo possa diventare unico, speciale e…buono! E non è un caso che Alberto abbia scelto di firmare il gelato con il suo nome; un modo per “metterci la faccia” e garantire di persona la sua qualità.

Il mondo di Alberto Marchetti, è fatto di persone, non di prodotti. La sua forza è la relazione. Con i fornitori, con i dipendenti, con i clienti.
Per decidere quali ingredienti usare Alberto parla con le persone che li producono; sa da dove arriva la sua frutta, si fida di chi gli consegna le nocciole. Prima di scegliere latte e panna è andato a conoscere che alleva le mucche e si è fatto spiegare come vengono nutrite. C’è un rapporto di fiducia con i sui fornitori, una rete di amici con i quali scambiare consigli.
Chi entra nelle gelaterie di Alberto è un amico, deve sentirsi a casa e i suoi locali sono proprio pensati come una casa, un posto tranquillo dove passare o fermarsi, godendosi un’atmosfera familiare e rilassante.
Il gelato è il prodotto di punta. Cremoso e ricco, preparato secondo la tradizione piemontese, usando latte appena munto, selezionato e trasformato a pochi minuti dalla mungitura.
Solo gli ingredienti che servono, nulla di più, questo è il vero segreto del buon gelato per Marchetti.
Alberto non è un tecnico, è un creativo. Per lui non ci sono ricette da manuale perché ogni gusto nasce da tentativi e assaggi, privilegiando il gusto e non la tecnica.
E parlando di creatività c’è spazio anche per la sperimentazione. Nel suo percorso di ricerca Alberto ha incrociato la strada di Igor Macchia, giovane chef stellato del ristorante La Credenza di San Maurizio Canavese (TO) che, come lui, ama sperimentare, provare, abbinare. Dal sodalizio fra i due, alla ricerca di dessert gelato che possano stare bene sul menù di un grande ristorante ma allo stesso tempo possano essere gustati in gelateria, sono nati, per esempio, il sandwich gelato e i cannelloni di pasta all’uovo con il gelato alla zucca.

ALBERTO MARCHETTI
2010 e 2012. Premio Procopio de’Coltelli – Sherbeth Festival, Cefalù. III classificato
2010. Riconoscimento “Artigiano Radioso” Golosaria
2011. Premio Golosario “Miglior gelateria d’Italia”
2012. Stella di Foddies, Gambero Rosso

GELATERIE
TORINO, Corso Vittorio Emanuele II, 24 bis
TORINO, Via Po, 35
TORINO, Via Reggio, 4/q
ALASSIO, Via XX Settembre, 48
MILANO,  Viale Montenero, 73
ROMA,  Settembrini – Via  Luigi Settembrini, 19-25

www.albertomarchetti.it
facebook.com/albertomarchettigelateria

 

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento