Giornata Mondiale dell'Ambiente: Legambiente presenta SalvaItalia

Da oggi il Parco Nazionale del Circeo avrà un nuovo percorso didattico dotato di pannelli descrittivi che spiegano le attività antropiche della zona, la flora, la fauna e i
diversi ecosistemi presenti, è questo il risultato di «SalvaItalia – Impronte», il progetto di Legambiente in collaborazione con Bialetti Industrie presentato questa mattina
a Sabaudia in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente. Obiettivo di SalvaItalia 2008 il recupero dell’area che dal Centro visitatori di Sabaudia si snoda lungo la foresta fino ad
arrivare al Lago di Paola e la creazione di un sentiero naturalistico ricco di informazioni per chi intende visitare il Parco.

«SalvaItalia – ha spiegato Sebastiano Venneri, vicepresidente nazionale di Legambiente – è nata con lo scopo di promuovere e rendere fruibili aree compromesse o in stato di
abbandono del nostro Paese attraverso attività di coinvolgimento, informazione e sensibilizzazione di soggetti economici e istituzionali presenti sul territorio. A Sabaudia, in
particolare, l’intento è stato quello di far capire agli abitanti del luogo e a tutti coloro che vivono quotidianamente nel perimetro del parco, che il Parco Nazionale del Circeo non
è solo una serie di regole e vincoli sul territorio che limitano la libertà delle persone, ma costituisce un’opportunità fondamentale per la zona, per la qualità
della vita e per l’economia».

A testare il nuovo percorso, questa mattina, le classi della scuola media «G. Cena», dell’I. C. «Leonardo da Vinci» e dell’Istituto Professionale Turistico
«Einaudi» di Latina, Sabaudia e S. Felice Circeo che hanno anche presentato i loro lavori sulle diverse culture e le realtà economiche del luogo realizzati nell’ambito del
progetto Impronte di SalvaItalia. Un’attività di educazione ambientale che ha coinvolto centinaia di ragazzi nel riscoprire gli antichi mestieri, le tradizioni del territorio dal passato
ad oggi, indagando sulle affinità e le differenze delle usanze e delle maestranze legate alle migrazioni.

«Il progetto Impronte della campagna SalvaItalia – hanno dichiarato Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio e Marco Omizzolo, presidente del Circolo Larus Legambiente di
Sabaudia – ha unito l’educazione ambientale con un aspetto interculturale, rendendo il Parco Nazionale del Circeo un luogo di condivisione di pratiche ed esperienze. Attraverso questa
iniziativa si gettano le basi per un dialogo con le attività produttive del luogo sia per superare i pregiudizi storici sviluppati dalla comunità locale nei confronti del parco,
sia per intraprendere collaborazioni su settori come quello dell’agricoltura biologica, ad oggi ancora assente nel Parco».

«Per il secondo anno consecutivo – dichiara Alessandra Costa, Responsabile Relazioni Esterne e Comunicazione Istituzionale di Bialetti Industrie – Bialetti Industrie sostiene Legambiente
nella campagna SalvaItalia perché ne condivide integralmente gli obiettivi, ma ancor più perché si riconosce nella concretezza di un approccio che coinvolge le
comunità locali e le risorse del territorio nei progetti di recupero ambientale e sociale di aree in condizioni di degrado. Da questo punto di vista, il progetto Impronte all’interno del
Parco Nazionale del Circeo e il progetto educativo ambientale e interculturale per le scuole del territorio, sono un’eloquente dimostrazione della validità della partnership tra Bialetti
Industrie e Legambiente».

Hanno partecipato all’iniziativa: Gaetano Benedetto, presidente Ente Parco Nazionale del Circeo; Maurizio Lucci, vice Sindaco Comune di Sabaudia; Pietro Oieni, Corpo Forestale dello Stato. Si
ringraziano per la partecipazione: Comunità Sikh, Azienda apistica «La Casina delle Api», Azienda Agricola Monti Lepini, Cantina Sant’Andrea Vini D.O.C. del Circeo, Azienda
Dalla Senta Alberto, Caseificio di Sezze, Coop. «Ortoverde» Sabaudia, Azienda «Natura Viva». Si ringrazia l’Agenzia Regionale Parchi per la collaborazione.

SalvaItalia è la campagna di Legambiente dedicata alle aree del nostro Paese penalizzate da fenomeni di degrado ambientale e sociale, con l’obiettivo di realizzare,
attraverso attività di coinvolgimento, informazione e sensibilizzazione, progetti di recupero e di riutilizzo di luoghi compromessi o in stato di abbandono. SalvaItalia è anche
uno strumento per diffondere la cultura della legalità e per favorire tutte le sinergie possibili tra società civile, imprese e istituzioni impegnate in territori di
«frontiera». I progetti realizzati su

Leggi Anche
Scrivi un commento