Foodes conquista Milano e Brescia

Foodes conquista Milano e Brescia

Due grandi laboratori permetteranno a Foodes di coprire il servizio in tutta Italia. La startup parmigiana – con il suo un innovativo servizio di ristorazione che serve direttamente le strutture ricettive e ristorative grazie all’ingegnerizzazione dell’utilizzo della conservazione in sottovuoto – sviluppa infatti il mercato B2B affermandosi per la qualità delle materie prime (filiera controllata) e per la professionalità nelle lavorazioni dei prodotti.

Con l’aggiunta del laboratorio bresciano Foodes raggiungerà in breve tempo i 2000 pasti al giorno. “Un traguardo importante – afferma il socio fondatore Luca Ziveri – che permette di guardare ad un mercato più ampio e conferma l’immenso valore del nostro progetto, che passo dopo passo viene riconosciuto dalle più importanti strutture dell’HO.RE.CA nazionali e non solo”.

Ma Brescia non è l’unica nuova tappa conquistata dai parmigiani di Foodes, che si stanno preparando all’apertura imminente di una nuova struttura, che entrerà a fare parte del circuito Foodes: il nuovo laboratorio servirà tutta la città di Milano ed insieme al laboratorio bresciano, permetterà di supportare le richieste non solo del mercato italiano ma anche di quello estero, in quanto – afferma sempre Ziveri – “raddoppieremo la produzione in brevissimi tempi”. L’obiettivo della giovane realtà è presto detto: migliorare costantemente non solo l’offerta di prodotto bensì di servizio.

Foodes fornisce prodotti gourmet di alta ristorazione. I piatti proposti spaziano dalla tradizione dei territori, a ricette più contemporanee, vegetariane e gluten-free (da settembre 2015), così da soddisfare le necessità di qualsiasi struttura, dal menù alla carta al room service. Con Foodes è possibile cucinare grandi piatti con rapidità e con poche mosse. Ciascun componente delle ricette è un semilavorato cotto a bassa temperatura in sottovuoto e si presenta in confezioni pronte all’uso, con una shelf life certificata di 30 giorni, senza l’aggiunta di conservanti.

È garantita anche la formazione al personale delle strutture per la preparazione dei propri menù e dei singoli piatti. La cucina è sana, in linea col gusto e l’eccellenza gastronomica italiana, con i temi nutrizionali e gluten-free, diventa accessibile a tutti i ristoratori in modo nuovo ed immediato garantendo un’alta riduzione dei costi fissi e variabili della ristorazione.

Con l’arrivo dell’estate Foodes propone poi la nuova collezione dei Menù P/E 2015 : un mix di proposte fresche e leggere per creare deliziosi pasti. Tra le nuove ricette l’insalata di polipo con patate e olive nere o la tartare di tonno con mirtilli. Tra i primi l’orzotto ai crostacei con gamberoni e agrumi e il ragù di pollo con pomodori prugne e pistacchi e per il secondo piatti come il Pesce spada in salmoriglio e concassè di pomodoro confit o il petto d’anatra con salsa alle mele e aceto balsamico.

Per saperne di più, consultare il sito http://www.foodes.it

Chiara Danielli
Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento