“Cosa vuol dire mangiare”? Per due donne su tre è piacere

“Cosa vuol dire mangiare”? Per due donne su tre è piacere

Necessità fisiologica, piacere e momento di socialità positiva. Mangiare può avere diversi significati, a seconda dei protagonisti,dei piatti e dei momenti.

A cercar di far ordine e chiarezza, il sito Melarossa.it.

Nel portale, una domanda “Cosa vuol dire mangiare per te?”. Il quesito era rivolto a tutti i frequentatori del sito, con particolare attenzione alle donne giovani (25-35 anni) anni.

Nella maggior parte dei casi, il cibo era legato a sensazioni positive. In primis, il piacere: 67% dei partecipanti. Poi un portatore di salute, con particolare attenzione alla salute
psicologica, definibile “Antistress” (5,6% dei casi) o “Momento da condividere ” (7,3%) stimolo per la vita sociale.

Non manca il lato oscuro. Il 25% delle donne vede il tempo della tavola come tempo di disagio, l’8,8% come un’ossessione, ed il 4,1% come sorgente d’ansia. Nei casi peggiori (1,1% del campione)
vede il mangiare come un momento di censura, da non nominare neanche.

In mezzo, gli indecisi e la zona grigia. Un 8,5% vede il cibo come una pura necessità fisica. Infine, il 3,7% usa l’alimentazione solo come passatempo.

Il sondaggio e le risposte hanno attirato l’attenzione del dottor Luca Piretta, della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione.

Secondo Piretta, gli addetti ai lavori devono prendere atto del fatto compiuto, ed esplorare i molteplici significati del nutrirsi. E, facendo ciò, dando particolare attenzioni ai
soggetti femminili.

Allora, Piretta butta giù una prima strategia.

Momento centrale d’intervento, l’infanzia: è in tale periodo “Che che si crea il primo rapporto con il cibo ed è in questo periodo che bisognerebbe gettare le basi per una
corretta alimentazione che tenga conto sia degli aspetti di salute nutrizionale che di quelli ludici e gratificanti”. Da non trascurare neanche gli ambiti della famiglia e della scuola, momenti
di conoscenza e torri di sentinella di eventuali problemi e malattie alimentari

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

www.melarossa.it

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento