Contributi Enpacl e scadenze per il loro pagamento nel 2008

D: Quando è obbligatoria l’iscrizione Enpacl e quanto mi costerebbe se dovessi provvedere al pagamento nel 2008 dei contributi Enpacl per la pensione come consulente del lavoro? In
quante rate e a quali scadenze? Quali sono i contributi dovuti dall’iscritto ENPACL non assicurato presso altre forme di previdenza obbligatoria, quali quelli dal pensionato ENPACL ancora
iscritto, e dalle persone autorizzate ai versamenti volontari? Quando il contributo è invece dovuto nella misura ridotta?

R: L’iscrizione ENPACL è obbligatoria per tutti gli iscritti agli ordini dei consulenti del lavoro e facoltativa per gli iscritti obbligatoriamente ad altro ente di previdenza dei liberi
professionisti, esclusi coloro che hanno optato per altra cassa in quanto iscritti a due o più albi od ordini professionali.
Il consulente del lavoro per coprire con la contribuzione il 2008 dovrà spendere la somma di 2.490 euro, alla quale si aggiunge il contributo di maternità nella misura di 87,80,
per cui nel corso dell’anno i consulenti iscritti all’ente di previdenza ENPACL dovranno versare 2.577,80 euro, pari a 214,48 euro al mese. Così l’Ente di previdenza ENPACL, con
Informativa di marzo 2008 ha specificato l’entità dei contributi ricordando che la scadenza delle quattro rate è fissata al 16 aprile, 16 giugno, 16 settembre e 17 novembre 2008.
Il contributo di maternità viene però inserito per intero nella prima rata per cui le singole rate di 622,50 euro sono di 710,30 euro in sede di primo pagamento.

Il contributo di 2.490 euro è dovuto dall’iscritto ENPACL non assicurato presso altre forme di previdenza obbligatoria, dal pensionato ENPACL ancora iscritto, dalle persone autorizzate
ai versamenti volontari.
Il contributo è invece dovuto nella misura ridotta di 1.245 euro da persone iscritte ad altra forma di previdenza obbligatoria che hanno esercitato l’opzione, e dai neoiscritti. Questi
ultimi sono i consulenti del lavoro che si iscrivono per la prima volta a ENPACL non avendo ancora 35 anni di età. In questo caso, se vogliono, possono chiedere di versare tante quote
mensili ridotte alla metà quanti sono i mesi di effettiva iscrizione nel primo anno solare e nei tre successivi.
Il contributo soggettivo annuo obbligatorio a carico di ogni iscritto è frazionabile in dodicesimi ed è dovuto in relazione ai mesi di effettiva iscrizione all’Ente nell’anno
solare. E’ sufficiente un solo giorno di iscrizione per dover pagare la quota mensile di 214,48 euro.

Leggi Anche
Scrivi un commento