Come leggere le etichette

Le regole devono applicarsi a tutti i prodotti destinati ai consumatori finali, ai ristoranti, alle scuole, agli ospedali e alle mense, non valgono invece per i prodotti freschi, non imballati
o venduti direttamente al consumatore.

Per consentire lo smaltimento delle scorte degli alimenti immessi sul mercato ed etichettati prima dell’entrata in vigore del Regolamento, fino al 31 luglio 2009 continueranno a circolare i
prodotti anche se non conformi alle nuove indicazioni.

Per quelli invece prodotti dopo l’entrata in vigore del Nuovo Regolamento Europeo, per poter recare indicazioni nutrizionali e sulla salute, come quelle relative al contenuto calorico, alla
quantità di grassi e di zuccheri, ma anche di sale, fibre e vitamine, i prodotti alimentari dovranno essere conformi ai profili nutrizionali definiti dalla Commissione Europea con il
supporto della Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare. In particolare, non saranno più consentite le indicazioni dove si suggerisce che la salute potrebbe risultare
compromessa dal mancato consumo di un certo alimento, quelle che fanno riferimento alla percentuale o all’entità della perdita di peso o quelle che si richiamano al parere di un singolo
medico o altro operatore sanitario. Il provvedimento è stato un importante passo in avanti verso la trasparenza nei consumi alimentari dei cittadini europei, sempre più attenti al
proprio benessere e al ruolo che gli alimenti hanno per la prevenzione o il controllo di alcune malattie.

Ecco un elenco delle principali indicazioni nutrizionali consentite dal Regolamento:

A basso contenuto calorico: non più di 40 kcal/100 g per i solidi o 20 kcal/100 ml per i liquidi.

A ridotto contenuto calorico: valore energetico ridotto di almeno il 30 per cento rispetto all’alimento analogo.

Senza calorie: non più di 4 kcal/100 ml.

A basso contenuto di grassi: non più di 3 g/100 g per i solidi o 1,5 g/100 ml per i liquidi (1,8 g/100 ml per latte parzialmente scremato).

Senza grassi: non più di 0,5 g/100 g o ml.

A basso contenuto di grassi saturi: non più di 1,5 g/100 g o 0,75 g/100 ml.

Senza grassi saturi: non più di 0,1 g/100 g o 100 ml.

A basso contenuto di zuccheri: non più di 5 g di zuccheri per 100 g per i solidi o 2,5 g di zuccheri per 100 ml per i liquidi.

Senza zuccheri: non più di 0,5 g di zuccheri per 100 g o 100 ml.

Senza zuccheri aggiunti: nessun mono o disaccaride aggiunto od ogni altro prodotto alimentare utilizzato per le sue proprietà dolcificanti. Se l’alimento contiene
naturalmente zuccheri, deve essere indicato «contiene in natura zuccheri».

Leggero/light: l’indicazione che un prodotto è «Leggero» o «Light» e ogni altra indicazione che può avere lo stesso significato per il
consumatore sono soggette alle stesse condizioni fissate per il termine «Ridotto»; l’indicazione è inoltre accompagnata da una specificazione delle caratteristiche che
rendono il prodotto come indicato sull’etichetta.

Ad alto contenuto di fibre: almeno 6 g/100 g o almeno 3 g/100 kcal.

Ad alto contenuto di proteine: almeno il 20 per cento del valore energetico dell’alimento è apportato da proteine.

Leggi Anche
Scrivi un commento