CODICE DEONTOLOGICO

CODICE DEONTOLOGICO

 
Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari
CODICE   DEONTOLOGICO DELLA PROFESSIONE DI TECNOLOGO ALIMENTARE
A CURA DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL’ORDINE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI
EDIZIONE N°01   REV 00    –   ROMA,  SETTEMBRE  2003   
 
 
PAG. 1 DI 9
CODICE DEONTOLOGICO
ORDINE NAZIONALE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI
 
TITOLO I
Principi Generali
 
ARTICOLO 1 – AMBITO DI APPLICAZIONE
1) I principi e le regole espressi dal presente Codice Deontologico sono vincolanti per tutti
gli iscritti all’Ordine dei Tecnologi Alimentari.  
2) Il Tecnologo Alimentare è tenuto alla loro conoscenza ed applicazione nell’esercizio
dell’attività professionale, nei rapporti tra colleghi e nei confronti dei terzi.  
3) L’ignoranza delle presenti norme deontologiche non costituisce causa di esclusione
della responsabilità disciplinare.
 
ARTICOLO 2 – POTESTA’ DISCIPLINARE E REGOLAMENTARE
1) I principi e le regole espressi dal presente Codice Deontologico sono vincolanti per tutti
gli iscritti all’Ordine dei Tecnologi Alimentari.  
2) L’inosservanza dei principi e delle regole di condotta stabilite nel presente Codice
Deontologico ed ogni azione od omissione comunque contraria al decoro, alla dignità
ed al corretto esercizio della professione sono perseguibili disciplinarmente.
3) Spetta ai competenti organi dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari la potestà di
infliggere sanzioni disciplinari adeguate e proporzionate alla violazione delle norme
deontologiche. A tal fine tali organi potranno attivarsi d’ufficio o su segnalazione di un
iscritto all’albo o di un consumatore interessato.
4) Le sanzioni irrogate devono comunque essere adeguate alla gravità dei fatti e devono
tenere conto della reiterazione dei comportamenti nonché delle specifiche circostanze,
soggettive ed oggettive, che hanno concorso a determinare l’infrazione.
5) E’ compito degli organi dell’Ordine Nazionale dei Tecnologi Alimentari di precisare le
regole di condotta cui il Tecnologo Alimentare si deve attenere nell’esercizio della sua
attività, al fine di tutelare e garantire il decoro della professione.
 
PAG. 2 DI 9
ARTICOLO 3 – RESPONSABILITA’ DISCIPLINARE
1) I principi e le regole espressi dal presente Codice Deontologico sono vincolanti per tutti
gli iscritti all’Ordine dei Tecnologi Alimentari.  
2) L’inosservanza dei precetti, degli obblighi e dei divieti fissati dal presente Codice
Deontologico e la volontarietà della condotta, anche se omissiva, espongono il
Tecnologo Alimentare alla responsabilità disciplinare.
3) Oggetto di valutazione è il comportamento complessivo del professionista sottoposto a
procedimento disciplinare. Pertanto, anche qualora siano mossi vari addebiti
nell’ambito di un unico procedimento, la sanzione deve essere unica.
 
ARTICOLO 4 – DOVERE DI OSSERVANZA DELLE NORME DEONTOLOGICHE
1) Nell’esercizio dell’attività professionale all’estero il Tecnologo Alimentare è soggetto
all’osservanza delle presenti norme deontologiche nonché alle norme deontologiche,
ove esistenti, del Paese in cui è svolta l’attività.
2) Del pari il Tecnologo Alimentare straniero, nell’esercizio dell’attività professionale in
Italia, è tenuto al rispetto delle norme del presente Codice Deontologico.
 
ARTICOLO 5 – DOVERI DI PROBITA’, DIGNITA’ E DECORO  
1) Il Tecnologo Alimentare deve ispirare la propria condotta all’osservanza dei doveri di
probità, dignità e decoro.  
2) L’esercizio della professione di Tecnologo Alimentare prescinde da considerazioni di
ordine religioso, razza, nazionalità, classe sociale, ideologia politica.
3) Il Tecnologo Alimentare è tenuto a rispettare ed applicare le seguenti norme, sia per
prestazioni professionali saltuarie che continuative.
 
ARTICOLO 6 – DOVERI DI LEALTA’ ,  CORRETTEZZA E DILIGENZA
1) Il Tecnologo Alimentare deve svolgere la propria attività professionale con lealtà e
correttezza.  
2) Nei casi in cui, nell’esercizio della professione, il Tecnologo Alimentare si trovi per
qualunque ragione in una situazione di conflitto di interessi, di incompatibilità con il
proprio stato giuridico o esistano specifiche ragioni di conflitto fra i propri doveri
professionali e gli interessi di un cliente, deve dare comunicazione a tutti i soggetti  
interessati. Qualora lo ritenga opportuno, è facoltà del Tecnologo Alimentare di  
richiedere un parere al Consiglio del proprio Ordine Regionale. Laddove il conflitto di
interessi non sia espressamente accettato dagli interessati o non possa essere in alcun
modo rimosso, il Tecnologo Alimentare deve immediatamente rinunciare al mandato
professionale.   
3) Costituisce infrazione disciplinare il comportamento del Tecnologo Alimentare che
compia consapevolmente atti contrari all’interesse del proprio cliente.
4) Il Tecnologo Alimentare deve adempiere i propri doveri professionali con diligenza.
 
 
ARTICOLO 7 – DOVERE DI SEGRETEZZA E RISERVATEZZA
1) Il Tecnologo Alimentare può divulgare a terzi informazioni acquisite nell’esercizio
della sua attività professionale solo su espressa autorizzazione del committente. In
mancanza di tale autorizzazione, il Tecnologo Alimentare deve astenersi da qualunque
forma di divulgazione di tali informazioni.
2) Il Tecnologo Alimentare è tenuto a preservare la segretezza e la riservatezza anche
delle informazioni che riguardino ex-clienti.
3) La segretezza deve essere rispettata anche nei confronti di colui che si rivolga al
Tecnologo Alimentare per chiedere assistenza senza che il mandato sia accettato.
4) Il Tecnologo Alimentare è tenuto a richiedere il rispetto del segreto professionale anche
ai propri collaboratori e dipendenti e a tutte le persone che cooperano nello
svolgimento dell’attività professionale.
5) Costituiscono eccezione alla regola generale i casi in cui la divulgazione di alcune
informazioni relative alla parte assistita sia richiesta dall’Autorità Giudiziaria.
 
ARTICOLO 8 – DOVERE DI INDIPENDENZA
1) Il Tecnologo Alimentare ha il dovere di mantenere la propria indipendenza
nell’esercizio dell’attività professionale. Deve avere coscienza dell’importanza del
proprio lavoro conservando autonomia di decisione sulle scelte tecniche e sulle
modalità di svolgimento dello stesso.

ARTICOLO 9 – DOVERE DI COMPETENZA E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE
1) L’accettazione di un determinato incarico professionale fa presumere che il Tecnologo
abbia le specifiche competenze necessarie allo svolgimento dello specifico incarico. In
ogni caso il Tecnologo Alimentare deve comunicare al committente le circostanze che
potrebbero impedire il corretto svolgimento dell’attività richiesta, prospettando,
qualora lo ritenga necessario, l’opportunità dell’integrazione con altro collega.
2) Il Tecnologo Alimentare è tenuto a mantenere un livello adeguato di competenza
professionale ed a curare l’aggiornamento delle proprie conoscenze, al fine di
soddisfare le esigenze dei singoli committenti, rispettare i bisogni della collettività e
dare maggiore valore e credito all’esercizio della professione.  
 
ARTICOLO 10 – DOVERE DI ADEMPIMENTO PREVIDENZIALE, FISCALE E ASSOCIATIVO
1) Il Tecnologo Alimentare ha il dovere di provvedere agli adempimenti previdenziali e
fiscali prescritti dalle norme in vigore e di assolvere ogni impegno nei confronti degli
enti associativi di categoria.
 
ARTICOLO 11 – DIVIETO DI PUBBLICITA’
1) È vietata qualsiasi forma di pubblicità dell’attività professionale. Al fine del rispetto
del diritto del pubblico all’informazione, è consentita la pubblicità specifica e
informativa (carta da lettera, rubriche professionali e telefoniche, repertori, banche
dati, anche a diffusione nazionale), indicativa del proprio particolare ramo di attività o
specializzazione, purché attuata con discrezione e in modo da non recare offesa alla
dignità della professione.
2) Nei rapporti con la stampa e con gli altri mezzi di comunicazione e diffusione il
Tecnologo Alimentare deve ispirarsi a criteri di equilibrio e misura nel rilasciare
dichiarazioni e interviste, sia per il rispetto dei doveri di discrezione e riservatezza
verso i clienti, sia per evitare atteggiamenti concorrenziali verso i colleghi. E’ fatto in
ogni caso espresso divieto dell’uso d’espressioni sconvenienti ed offensive,
indipendentemente dalle disposizioni civili e penali, nell’espletamento dell’attività
professionale in genere.
3) In particolare, non è consentito spendere il nome dei clienti presenti o passati a scopi
pubblicitari e l’invio di mail pubblicitarie, se non limitatamente a indirizzi selezionati
ed autorizzati.  
 
ARTICOLO 12 – DIVIETO DI INTERMEDIAZIONE
1) Il Tecnologo Alimentare, nell’esercizio della propria attività, deve astenersi da qualsiasi forma d’intermediazione a scopo di lucro.  
ARTICOLO 13 – DIVIETO DI ATTIVITA’ PROFESSIONALE SENZA TITOLO O DI USO DI TITOLI INESISTENTI
1) L’iscrizione all’Albo è requisito necessario ed essenziale per l’esercizio della professione
e per l’utilizzo del titolo di Tecnologo Alimentare.
2) Sono sanzionabili disciplinarmente, l’uso del titolo professionale in assenza dello stesso
ovvero lo svolgimento d’attività in assenza di titolo o in periodo di sospensione.
Dell’infrazione risponde anche il collega che abbia reso possibile direttamente o
indirettamente l’attività irregolare.
 
TITOLO II
Rapporti con i colleghi
 
 
ARTICOLO 14 – RAPPORTI DI COLLEGANZA
1) Il Tecnologo Alimentare deve mantenere sempre nei confronti dei colleghi un
atteggiamento di cordialità e lealtà, al fine di rendere più serena e corretta l’attività
professionale ed al fine di affermare un’identità professionale ed una cultura comune
nei differenti settori in cui la professione si articola.
2) Il Tecnologo Alimentare deve astenersi da ogni attività o forma di pubblicità che
possa arrecare danno o pregiudizio ad altri colleghi. In particolare non deve esprimere
critiche sui colleghi per il loro operato, né ingenerare la convinzione della superiorità
o convenienza delle proprie prestazioni.
 
ARTICOLO 15 – DIVIETO DI ACCAPARRAMENTO DI CLIENTELA
1) Il Tecnologo Alimentare si deve astenere da qualsiasi comportamento che possa
definirsi di “concorrenza sleale”.
2) È fatto inoltre divieto al Tecnologo Alimentare di sfruttare informazioni riguardanti i
committenti di altri colleghi o di approfittare di incarichi congiunti al fine di
accaparrarsi committenti.
 
ARTICOLO 16 – NOTIZIE RIGUARDANTI I COLLEGHI
1) È tassativamente vietata la diffusione di notizie relative alla persona e ai
comportamenti di un collega.
2) Eventuali violazioni del codice deontologico devono essere rappresentate per iscritto
esclusivamente agli organi disciplinari.  

ARTICOLO 17 -SOSTITUZIONE DI UN COLLEGA
1) Il Tecnologo Alimentare che è chiamato da un collega a sostituirlo per un periodo
concordato, è tenuto a cessare la sua attività al ritorno di quest’ultimo ed a fornirgli
tutte le informazioni rilevanti circa il lavoro svolto.  
2) Gli onorari spettanti al Tecnologo Alimentare per l’attività prestata durante la
sostituzione devono essere previamente concordati tra i professionisti, nel rispetto
della dignità professionale e delle tariffe professionali vigenti. Nei casi dubbi o
controversi, i professionisti devono rivolgersi al Consiglio dell’Ordine Regionale di
appartenenza, al quale spetta la potestà di decidere in merito con funzioni di arbitro
imparziale tra le parti.
3) Il Tecnologo Alimentare chiamato a subentrare in un incarico già affidato ad altri,
potrà accettarlo solo dopo aver accertato che la committenza abbia esonerato i
professionisti precedentemente incaricati, sincerandosi che gli stessi siano stati
regolarmente pagati.
 
 
TITOLO III
Rapporti con i clienti
 
 
ARTICOLO 18 – RAPPORTO DI FIDUCIA
1) Il rapporto di fiducia è alla base dell’attività professionale.
2) L’incarico deve essere conferito dalla parte assistita o da altro professionista che la
assista.
ARTICOLO 19 – MANCATA PRESTAZIONE DI ATTIVITA’
1) Costituisce violazione dei doveri professionali, sanzionabile anche disciplinarmente, il
mancato o ritardato svolgimento dell’incarico ricevuto, quando la mancanza sia
riferibile a negligenza o trascuratezza ed indipendentemente dal fatto che ne derivi
pregiudizio agli interessi del committente.
 
ARTICOLO 20 – OBBLIGO DI INFORMAZIONE
1) Il Tecnologo Alimentare deve rendere note al committente le condizioni di lavoro
applicabili all’incarico e fornirgli tutte le informazioni relative.
 
ARTICOLO 21 – OBBLIGO DI RESTITUZIONE DI DOCUMENTI
1) Il Tecnologo Alimentare è tenuto a restituire al committente tutta la documentazione
ricevuta, quando questi ne faccia richiesta.  

ARTICOLO 22 – INCARICHI PROFESSIONALI
1) Il Tecnologo Alimentare deve definire preventivamente e chiaramente con il
committente i contenuti ed i termini degli incarichi professionali conferitigli, nel
rispetto delle disposizioni legislative vigenti e delle norme del presente Codice
Deontologico.
 
ARTICOLO 23 – ONORARI
1) Il Tecnologo Alimentare non deve percepire onorari diversi da quelli indicati nelle
vigenti tariffe professionali o nelle convenzioni concordate con l’Ordine; può, tuttavia,
prestare la propria opera a titolo gratuito, purché la forma ed il modo di tale
comportamento non costituiscano artificio per una illecita concorrenza.
2) Salvi diversi accordi concordati preventivamente con il cliente, il Tecnologo
Alimentare è tenuto a definire il suo onorario all’inizio della prestazione. In tal caso
ulteriori richieste saranno avanzate solo se motivate da evidenze oggettive.
3) Il Tecnologo Alimentare ha diritto a percepire sempre il rimborso delle spese sostenute
nello svolgimento dell’incarico, nonché un corrispettivo per l’attività prestata anche se,
per cause sopravvenute, la prestazione professionale sia interrotta o non abbia seguito.
4) A richiesta, il Tecnologo Alimentare ha diritto a ricevere un acconto sul corrispettivo
degli onorari nel corso di svolgimento dell’incarico.   
 
ARTICOLO 24 – RECESSO  
1) Il Tecnologo Alimentare è tenuto a recedere dal rapporto professionale quando insorga
un conflitto di interessi con il cliente, quando insorga una qualunque causa di
incompatibilità e quando la volontà del committente può indurre a compiere o ad
avallare azioni professionalmente contrarie alle vigenti disposizioni legislative ed alle
norme del presente Codice Deontologico. In tale caso, il professionista è tenuto a porre
in essere tutti gli atti e le misure idonee ad evitare danni al cliente ed alla sua figura
professionale ed a recedere comunque dal rapporto professionale
2) Il Tecnologo Alimentare è tenuto altresì a recedere dall’incarico ogni qualvolta sia
venuto meno il rapporto fiduciario con il cliente.  
 
 
TITOLO IV
Rapporti con la collettività
 
ARTICOLO 25 – SICUREZZA IGIENICO – SANITARIA  
1) Le prestazioni professionali del Tecnologo Alimentare devono essere svolte nel rispetto
delle norme di sicurezza igienico-sanitarie dei prodotti alimentari.
ARTICOLO 26 – SICUREZZA ALIMENTARE
1) Il Tecnologo Alimentare, nell’ambito della propria attività si impegna a vigilare sulla
sicurezza e sulla qualità merceologica degli alimenti. Laddove egli riscontri irregolarità
o situazioni che possano compromettere la qualità merceologica o la sicurezza degli
alimenti e del consumatore, si impegna a segnalare il fatto al responsabile dell’attività
o, se la situazione lo richiede, alle Autorità competenti affinché vengano presi gli
opportuni provvedimenti.
 
ARTICOLO 27 – OSSERVANZA DELLE DISPOSIZIONI DI LEGGE
1) Nell’ambito della propria attività, il Tecnologo Alimentare ha il dovere e la
responsabilità di far rispettare le disposizioni normative vigenti in materia alimentare e
le altre prescrizioni applicabili al settore, fornendo in merito, ove occorra, opportune
delucidazioni circa il contenuto, l’ambito di applicazione e consigliando il corretto
comportamento da adottare.
 
ARTICOLO 28 – VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI
1) Nell’ambito della propria attività il Tecnologo Alimentare si pone come obiettivo la
massima valorizzazione delle risorse naturali e il minimo spreco di sostanze alimentari,
contribuendo alla realizzazione di efficaci sistemi di recupero e realizzando sistemi di
valorizzazione di eccedenze.
 
ARTICOLO 29 – VERIFICA DEI PRODOTTI ALIMENTARI
1) Nell’ambito delle produzioni ed innovazioni dei prodotti alimentari, per quanto di sua
competenza, il Tecnologo Alimentare, prima di consentire l’immissione del prodotto
sul mercato, è tenuto ad effettuare le verifiche necessarie a salvaguardia delle esigenze
e della salute dei consumatori, con particolare riguardo a quelle categorie di
consumatori con esigenze particolari.
 
ARTICOLO 30 – VALORIZZAZIONE DELLE TECNOLOGIE ALIMENTARI
1) Il Tecnologo Alimentare, nell’ambito delle proprie competenze e funzioni, deve
favorire sia la valorizzazione delle produzioni tipiche ed artigianali, sia lo sviluppo
industriale con tecnologie innovative, incoraggiando l’accrescimento economico e
socio-culturale. L’applicazione dei metodi produttivi utilizzati deve in ogni modo
garantire la sicurezza igienico-sanitaria e la salute del consumatore.    

TITOLO V
Disposizioni Finali
 
ARTICOLO 31 – PRINCIPI GENERALI
1) Le disposizioni specifiche di questo Codice costituiscono esemplificazioni dei
comportamenti più ricorrenti e non limitano l’ambito di applicazione dei principi
generali espressi.  
 
ARTICOLO 32 – DISPOSIZIONI GENERALI
1) Le regole riportate nel presente Codice Deontologico sono uniche ed hanno valenza a
carattere nazionale.  
2) Gli Ordini Regionali non possono emettere delibere inerenti l’etica professionale.
Tuttavia l’Ordine Regionale potrà proporre all’apposita Commissione istituita dal
Consiglio dell’Ordine Nazionale eventuali suggerimenti, ponendosi come unico
obiettivo il migliore svolgimento dell’esercizio della professione stessa.
3) Tutti i provvedimenti e le delibere adottate dai vari Ordini Regionali e dall’Ordine
Nazionale, non possono in alcun caso essere in contrasto con le norme ed i principi
espressi dal presente Codice Deontologico.
 
ARTICOLO 33 – REVISIONI E MODIFICHE
1) Le norme del presente Codice Deontologico saranno integrate e revisionate ogni anno
da un’apposita Commissione istituita dal Consiglio dell’Ordine Nazionale, al fine di
adeguare il Codice stesso alle problematiche ed alle istanze che potranno insorgere
nello svolgimento della professione.  
2) Ogni modifica o revisione deve essere ratificata dal Consiglio dell’Ordine Nazionale.  
 
Approvato durante la Riunione di Consiglio Nazionale in data 24 Settembre 2003  
Confermato durante il Consiglio Nazionale in data 12 Marzo 2004
 
Per il Consiglio
 
Il Segretario
Dr. Emilio GERMANO
 
Il Presidente
Dr. Renato BUTTURA
 

TECNOLOGIALIMENTARI.it

Leggi Anche
Scrivi un commento