Centro operativo delle Poste dell'Aquila

L’Aquila – Occorre un’immediata presa di posizione del sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente – che finora sull’argomento non si è espresso – per salvaguardare la presenza nella
nostra città del Centro Operativo delle Poste e di altri uffici postali a rischio di chiusura.

L’allarme lanciato nei giorni scorsi deve avere adeguata considerazione e non può passare subito nel dimenticatoio. Preoccupa molto il silenzio, oltre che degli amministratori locali,
anche dei sindacati (Ugl a parte) e delle stesse Poste Italiane. Il Sindaco riunisca, prima che sia troppo tardi, i sindacati, i rappresentanti di Poste Italiane e i capigruppo consiliari per
fare chiarezza e per prendere delle decisioni forti e univoche. Si deve evitare a tutti i costi che il Cpo e altre strutture delle Poste vengano di fatto soppresse o fortemente ridotte.

Per quanto ci riguarda, voteremo l’ordine del giorno che presenterà il collega consigliere comunale Luigi D’Eramo, finalizzato per l’appunto a sollecitare l’amministrazione attiva ad
assumere tutte quelle iniziative necessarie per evitare che venga cancellato il Centro Operativo e, di seguito, altri uffici postali.
Non perdiamo altro tempo. Il nostro territorio rischia di continuare a perdere strutture strategiche importanti e, quello che è peggio, è che tutto ciò avviene
nell’indifferenza di chi potrebbe e dovrebbe intervenire. La preoccupazione di trasferimenti di dipendenti e di potenziamenti di altre aree geografiche è più che sufficiente per
unire le forze politiche della città affinché non venga perpetrato un altro scempio.

Leggi Anche
Scrivi un commento