Bando per finanziamenti alle imprese umbre

Perugia – Il merito al Bando sulle «Direttive per il cofinanziamento di interventi regionali nel settore del commercio e del turismo (di cui all’art 16, comma 1, della
legge 7 agosto 1997, n° 266»), pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Umbria, del 3 marzo 2008 il servizio commercio della Regione Umbria precisa quanto segue:.

«Possono rivolgere domanda di contributo le piccole e medie imprese operanti nel settore della distribuzione, singole o costituite in forma associata, per la realizzazione degli
interventi, le imprese che esercitano attività commerciale ai sensi della legge regionale 3 agosto 1999, n.24 (commercio in sede fissa); le imprese che esercitano attività
commerciale ai sensi della legge regionale 20 gennaio 2000, n.6 (commercio in forma itinerante); le imprese che esercitano attività commerciale ai sensi della legge 25 agosto 1991,
n.287, art.5, comma 1, lett. a), b) e d), con esclusione dell’attività di cui al comma 4 dello stesso articolo; le imprese che esercitano attività commerciale ai sensi della legge
5 marzo 2001, n.57, art.19, limitatamente all’attività «non oil»; le imprese che esercitano attività commerciale ai sensi del D.lgs. 24 aprile 2001, n.170».

Per quanto attiene le imprese che svolgono commercio all’ingrosso – prosegue il competente servizio regionale, «sul piano disciplinare sono ricomprese all’interno del D.lgs n.114/98, di
cui la L.R. n.24/99 è diretta emanazione. Pertanto queste imprese possono fare richiesta di contributo ai sensi del Bando ex lege 266/97. Le agevolazioni riguardano gli spazi di vendita
e non quelli relativi a magazzini o spazi di stoccaggio. Pertanto, nel caso di imprese che svolgono attività di vendita all’ingrosso, la richiesta di contributo farà riferimento
alla sola superficie nella quale avviene la trattativa».

Leggi Anche
Scrivi un commento