Allarme risicoltura: garantire il reddito dei coltivatori

Allarme risicoltura: garantire il reddito dei coltivatori

Confagricoltura ha chiesto la convocazione urgente di una riunione di filiera con il ministero, per programmare la produzione del riso per la campagna 2010-2011 in modo da rendere più
stabili le relazioni commerciali con l’industria e assicurare prospettive certe di reddito ai risicoltori.

Lo ha annunciato il presidente Federico Vecchioni, intervenendo all’assemblea degli associati di Confagricoltura Vercelli-Biella, preoccupato per il crollo dei prezzi dei risoni diminuiti di
quasi il 50% rispetto al 2009, attestandosi addirittura ai livelli di cinque anni fa, per i prezzi non remunerativi e per il calo della domanda da parte dell’industria.

Confagricoltura ricorda infatti che, in risposta alle sollecitazioni degli industriali per una maggiore disponibilità di riso da esportare, i risicoltori italiani negli ultimi tre anni
hanno incrementato di oltre il 10% le superfici coltivate e le rese, arrivando a produrre nel 2009 circa 1,65 milioni di tonnellate di risone (+17% sul 2008); un aumento di produzione che, con
l’attuale situazione di mercato, rischia di rimanere invenduto. “In questo stato di cose – ha detto Vecchioni – è indispensabile trovare una coesione di filiera che permetta alla
risicoltura italiana di superare l’impasse e ripartire”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento