Acqua, bonus per l’umore ed il cervello

Acqua, bonus per l’umore ed il cervello

Coi mesi caldi bisogna stare attenti alla temperatura. Basta infatti anche una lieve disidratazione per vedere peggiorate le funzionalità del cervello ed anche il controllo dell’umore.

Tuttavia, bevendo in maniera corretta si possono evitare i problemi.

Questo, in sintesi, il messaggio di una ricerca del
University of Connecticut’s Human Performance Laboratory, diretta dal dottor Lawrence Armstrong.

Obiettivo degli scienziati, quantificare l’effetto sul corpo umano di una privazione d’acqua, anche di lieve entità.

A tale scopo sono stati reclutati 50 volontari: 26 uomini e 25 donne, età media 23 anni. Tutti di loro hanno subito un esperimento in due fasi. Prima, hanno svolto esercizio fisico
(tapis roulant, 30-60 minuti) ed assunto pillole diuretiche, sviluppando così una lieve disidratazione. Di seguito, hanno subito test per la concentrazione, memoria ed umore. Questi
controlli sono stati svolti sia in condizione di sforzo che di riposo, ad intervalli regolari.

Alla fine, è stato subito chiaro come anche una lieve mancanza d’acqua, riducendo l’energia mentale e peggiorando l’umore.

Detto questo, spiega il dottor Lawrence, la mancanza di liquidi aveva effetti differenti. Nei volontari uomini, la disidratazione riduceva l’efficienza della memoria e provocava sbalzi d’umore.
Invece, nelle donne si verificavano problemi di concentrazione, percezione di difficoltà d’azione mentale.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento