Vertice di Rio, gli agricoltori d’Italia presentano le smart farm

Vertice di Rio, gli agricoltori d’Italia presentano le smart farm

E’ la smart farm o, in italiano, la fattoria intelligente. E’ un nuovo tipo di azienda agricola, capace della versatilità necessaria all’economia moderna al rispetto dell’ambiente.

Questa la creazione degli agricoltori italiani, presentata dalla Cia, Confederazione italiana agricoltori, presentata in occasione dell’inizio ufficiale del vertice ONU sullo sviluppo
sostenibile.

Come spiega la Cia, le fattorie intelligenti non sono vaghe teorie, ma “Stanno diventando una realtà. E hanno un identikit ben preciso con caratteristiche chiare e definite”.

Così, rimangono aziende agricole tradizionali, poiché centrate sull’agroalimentare, ma praticano la modernità intelligente, azioni funzionali ma rispettose del territorio.
A cominciare da un rapporto di rispetto con l’ambiente: diminuzione (od eliminazione) di concimi e fitofarmaci, trasformazione dei rifiuti organici (residui della potatura degli alberi e della
vigna) in energia, sostituzione dell’impianto a pioggia, con quello a goccia. Dal punto di vista dell’economia green, grande importanza per i pannelli solari ed i mini impianti eolici, capaci
di conciliare rispetto della natura con validità economica.

Inoltre, il gestore di tali strutture è spesso un giovane, quasi sempre under 40. Come fa notare la Cia, le smart farm sono prerogativa del 7,2% degli under 40 contro il 4% di colleghi
più anziani.

Inoltre, conclude la Confederazione, il settore dell’agricoltura è l’unico capace di avere già ora la promozione riguardo l’ambiente.

Infatti, se l’agricoltura provoca il 5,4% di gas serra ma controbilancia con il 5,8% di emissioni, assorbite dalle foreste nostrane. Inoltre, il livello generale di gas serra d’Italia è
inferiore sia alla media Ue, 10,2% che mondiale, 15%. Allora, gli italiani cercheranno di usare tali risultati come base di partenza per le discussioni su clima ed azione umana.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento