Veltroni chiede a Berlusconi «lealtà alla Repubblica»

Un impegno solenne di lealtà alla Repubblica italiana, è quello che Walter Veltroni ha chiesto in una lettera al principale avversario nella corsa a palazzo Chigi, Silvio
Berlusconi.

«Da parte mia – ha spiegato il segretario del Pd da Cosenza, tappa del suo giro elettorale di oggi in Calabria – gli ho dato la garanzia di lealtà repubblicana che si basa su
quattro punti: tutela dell’unità dello Stato italiano; rifiuto di ogni forma di violenza praticata o dichiarata; fedeltà alla Costituzione repubblicana; fedeltà alla
bandiera tricolore e all’inno di Mameli».

Da Crotone, poi, Veltroni ha paragonato il Pd all’Italia di Bearzot ai mondiali dell’82. «Noi siamo un po’ come quella Nazionale – ha detto il leader democratico – nessuno pensava che ce
la potessimo fare, poi abbiamo vinto con l’Argentina, il Brasile e la Polonia. E il 13 aprile c’è la finale e dobbiamo vincerla tutti insieme».

Leggi Anche
Scrivi un commento