Val di Non: a primavera adotta un melo in fiore…

Milano – La fioritura dei meli è uno dei momenti più belli in cui visitare la Val di Non e poter approfittare di «Adotta un melo», questa particolare
iniziativa – promossa da alcuni agriturismi e hotel della valle – dà la possibilità di visitare i frutteti in compagnia dei loro proprietari, scegliere una pianta e tornare, se lo
si desidera, in autunno a raccogliere le proprie mele.

Ogni luogo ha alcuni momenti magici da offrire al visitatore per mostrarsi all’apice della propria bellezza. Per la Val di Non, la fioritura dei meli è sicuramente uno di questi momenti.
Come per incanto, l’intera valle si ricopre di una miriade di petali bianchi che sbocciano contemporaneamente e ammaliano l’aria con un soave profumo.

Tra aprile e maggio, periodo che coincide con la fioritura, è possibile soggiornare presso uno degli agritur che propongono l’iniziativa «Adotta un melo» e scegliere, grazie
al consiglio del contadino, un melo da «adottare» e da personalizzare mediante una targhetta da apporre sul tronco dell’albero.

A fine soggiorno si affida la pianta fiorita nelle mani esperte dell’agricoltore che, con la consueta cura che dedica a ogni germoglio, si assume l’impegno di seguire la crescita dei frutti
fino alla loro completa maturazione e di renderne conto tramite e-mail al «proprietario» virtuale. Nei mesi di settembre ed ottobre, in concomitanza della grande festa del raccolto
che anima l’intera valle, si può fare ritorno nello stesso agritur, ritrovare la famiglia amica e ritornare con lei nei campi per raccogliere i frutti del proprio albero. Un’intera
cassetta di mele della pianta (circa 15 Kg) saranno di chi l’ha adottata e potrà portarle con sé a casa per gustarle in famiglia o con gli amici?

«Adotta un Melo» – iniziativa istruttiva e golosa al tempo stesso, promossa da alcuni agriturismi della Val di Non – nasce dall’idea di permettere al visitatore di poter assaporare
frutti di cui conosce tutta la storia e della cui genuinità può essere certo visto che li ha fatti propri fin dal loro germoglio.

La produzione della «Mela della Val di Non» – che dal 2003 vanta il marchio DOP – avviene ancora oggi in piccole aziende agricole a conduzione familiare che coltivano con amore e
passione piccoli appezzamenti di terra che vengono trasmessi di generazione in generazione.

Sono oltre cinquemila le famiglie che oggi vivono grazie ai frutti di questa terra generosa; un numero sempre maggiore di queste sta cominciando ad aprire le proprie proprietà ai
visitatori offrendo un’ospitalità semplice e spontanea in agriturismi di carattere immersi nel verde o al centro di piccoli borghi di campagna.

L’ospite viene accolto e fatto sentire come un membro della famiglia. Se lo desidera, può mangiare in compagnia dei proprietari una genuina merenda, gustare i prodotti artigianali
prodotti dall’agritur (marmellate, mieli, dolci di mele, formaggi e insaccati fatti in casa) e scendere nei frutteti con gli agricoltori per passeggiare tra i filari di meleti e imparare i
segreti della produzione frutticola locale.

Adottare un melo in fiore è il modo migliore per scoprire quanto sia ospitale una terra come la Val di Non che ha saputo fare della propria produzione agricola un momento di incontro e
di scoperta.

Ogni anno la Val di Non produce circa 300.000 tonnellate di frutti che da soli coprono il 10% della produzione nazionale e il 5% di quella europea.

FORMULA «ADOTTA UN MELO IN VAL DI NON»

Il progetto prevede un soggiorno diviso su due week-end (2 notti: dal venerdì alla domenica): il primo in primavera (mesi di aprile e maggio, con possibilità di estensione anche
ai mesi successivi) e il secondo in autunno (mesi di settembre e ottobre).

Il pacchetto vacanza comprende:

Primavera: gli ospiti vengono accompagnati nel frutteto dal proprietario che spiega le fasi principali del ciclo di maturazione della mela e le tecniche di coltivazione. I
turisti possono scegliere liberamente una pianta tra quelle del campo da «adottare» apponendovi una targhetta identificativa e dando un nome all’albero. Durante il pomeriggio del
sabato viene offerta una «merenda» a base di derivati della mela (strudel, torta di mele, succo, sidro ecc.) e prodotti tipici (marmellate, insaccati, formaggi ecc.). Eventualmente
gli ospiti possono essere coinvolti in attività manuali a discrezione dell’agriturista (preparazione dolci, lavori nel frutteto o nell’orto, passeggiate tra i meli in fiore ecc.).

Nei mesi successivi: l’operatore si impegna a mantenere il contatto con l’ospite via e-mail, inviandogli foto della pianta «adottata» e informandolo sull’evoluzione
della maturazione dei frutti.

Autunno: i turisti tornano a soggiornare nell’agritur e possono partecipare alla raccolta delle mele. Raccolgono i frutti dell’albero «adottato» e di questi viene
loro donata una cassa (15 Kg circa di peso) che possono portare a casa con sé.

TARIFFE PACCHETTO:

28,00 ? per persona a notte (56,00 ? week-end primavera 56,00 ? week-end autunno) con trattamento di pernottamento e prima colazione.

Piano Famiglia:
2 adulti 1 bambino (fino ai 12 anni non compiuti): pagano 2 quote intere.
2 adulti 2 bambini (fino ai 12 anni non compiuti): pagano 3 quote intere.
3° letto aggiunto e ragazzi (sopra i 12 anni) in camera coi genitori: sconto del 30% sulla quota intera.

Pacchetto «Visita all’Azienda Agricola» (giornaliera, senza pernottamento): 1 giornata in Primavera (visita all’azienda e merenda a base dei prodotti tipici
adozione melo) 1 giornata in Autunno (raccolta delle mele dall’albero cassetta di mele in omaggio) = 15 euro.
In alternativa è possibile visitare l’azienda agricola in un’unica giornata al prezzo di 10 euro.

www.visitvaldinon.it : Azienda per il Turismo Val di Non tel. 0463.830133

Leggi Anche
Scrivi un commento