FREE REAL TIME DAILY NEWS

Un mostro di Loch Ness nella baia di Sydney

Un mostro di Loch Ness nella baia di Sydney

By Redazione

Un parente di Nessie (il mostro di Loch Ness) ha stabilito la sua residenza nella baia di Sydney, Australia. Almeno, ne è convinto il criptozoologo Rex Gilroy che insieme alla moglie ha
parlato delle proprie teorie al quotidiano australiano ” Daily Telegraph”.

Per lo studioso, la presenza della creatura è quantomeno suggerita da numerosi indizi. In primis, i miti degli aborigeni, che parlano della presenza della bestia fin dai temi antichi.

Poi, testimonianze, sia di profani che di esperti, venuti a diretto contatto con “qualcosa”.

Nel 1975, Rosemary Turner, durante un escursione sul fiume Hawkesbury, nella riserva naturale di Muogamarra, si sarebbe imbattuta in un animale sconosciuto. Secondo Gilroy, tale animale
è il mostro in questione, mentre per altri scienziati (come il paleontologo Robert Jones) tale avvistamento non può essere considerato testimonianza attendibile.

In tempi più recenti i coniugi Gilroy hanno raccolto articoli della stampa locale e dichiarazioni di abitanti “Di case galleggianti nella Jerusalem Bay sollevate completamente da
qualcosa che cercava di venire a galla da sotto la superficie marina”. Addirittura, un gruppo di pescatori ha descritto un incontro ravvicinato: “Uno di loro ha visto per un istante una testa
simile a quella di un serpente e il collo, lungo circa due metri. La creatura si sta inabissando, e il pescatore ha visto il collo emergere per un istante”.

Mettendo assieme i dati, il ricercatore traccia così un identikit dell’essere. Corpo possente mosso da quattro pinne, collo lungo e sinuoso con una testa da rettile: la somiglianza con
il più celebre fratello con residenza in Scozia è palese.

Infatti, per Gilroy entrambe le creature (sia quella australiana che quella europea) sarebbero imparentate con il plesiosauro, rettile acquatico che abitava i mari 70 milioni di anni fa.

Fonte: “Loch Ness Monster’s Aussie cousin pops up”, Daily Telegraph 11/05/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la
proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una
verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: