Un mondo senza politica ? Primi corsi Università Cattolica di Milano

Un mondo senza politica ? Primi corsi Università Cattolica di Milano

 

Date: Sat, 21 Oct 2017
Subject: Curia Arcivescovile di Milano – Universita’ Cattolica – Ispi – Giuristi Cattolici, Iustitia – Inizio dei corsi di Formazione Politica 2017 – Villa Cagnola alla Gazzada di Varese – Francesco d’Agostino e  Cesare Mirabelli – IEA informa

da sin. Don Walter Magnoni, Alberto Vittorio Fedeli, il Vicario Episcopale mons. Luca Bressan, Achille Colombo Clerici, Benito Perrone, il Dir. del Centro Villa Cagnola di Gazzada Mons. Eros Monti

Ha avuto inizio, a Villa Cagnola di Gazzada, la prima sessione dei corsi ” Un mondo senza politica ?” di formazione alla politica promossi ed organizzati dalla Arcidiocesi di Milano per l’Anno 2017/2018, in collaborazione con l’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore di Milano, l’ Unione Giuristi Cattolici, L’Ispi Istituto di studi di politica internazionale di Milano.

Hanno tenuto le prolusioni Francesco D’ Agostino, presidente dell’Unione Giuristi Cattolici nonche’ Direttore di Justitia e Cesare Mirabelli, presidente emerito della Corte Costituzionale.
Le prime lezioni a cura di Antonio Villafranca, Piero Bassetti, Roberto Mazzotta, Simona Beretta, Andrea Perrone.

*  *  *

Piero Bassetti con il presidente IEA Achille Colombo Clerici

Francesco D’Agostino, nel suo brillante intervento sul concetto di potere, e’ partito dall’apologo di Caracalla, nel racconto che ne fa Elio Spaziano nella sua “Vita di Antonino Caracalla”.
Invaghitosi della matrigna l’imperatore romano, conscio dell’incesto comportato dal suo desiderio, si rivolge a tale Giulia Domna che sentenzia: si libet licet.
D’altronde anche i faraoni egiziani solevano congiungersi in matrimonio con le sorelle, ben consapevoli del divieto esistente per la generalita’ dei sudditi; proprio a sottolineare la diversita’ della loro posizione e l’esercizio del potere assoluto.

D’Agostino approda conclusivamente al paradosso che attualmente viviamo, in riferimento alla celeberrima definizione di potere data dall’evangelista Matteo ( 20.25-28 ).

Rispondendo a Giacomo e Giovanni che gli chiedono di poter sedere nel Regno di Dio alla destra ed alla sinistra del Signore, Gesu’ esclama: ” Principes gentium dominantur eorum et qui maiores sunt potestatem exercent in eos. Non item erit inter vos, sed quicunque voluerit inter vos maior fieri, sit vester minister; et qui voluerit inter vos primus esse, erit vester servus”
Chi vorra’ esser piu’ grande tra voi ed esser primo tra voi sia vostro ministro e vostro servo.

Ebbene, oggi siamo al paradosso che i politici quando raccolgono i voti si presentano come servitori, ma esercitano poi la politica come puro potere e, quel che e’ peggio, gli elettori ne sono consapevoli anche nel momento del voto.

Foto:
– da sin.  Don Walter Magnoni, Alberto Vittorio Fedeli, il Vicario Episcopale mons. Luca Bressan, Achille Colombo Clerici, Benito Perrone, il Dir. del Centro Villa Cagnola di Gazzada Mons. Eros Monti

– Piero Bassetti con il presidente IEA Achille Colombo Clerici

– Roberto Mazzotta con Achille Colombo Clerici

 

 

Redazione Newsfood.com

 

Leggi Anche
Scrivi un commento