Umbria: Col nuovo Piano Acque la zootecnia rischia il tracollo

Umbria: Col nuovo Piano Acque la zootecnia rischia il tracollo

Perugia – Con il voto di ieri nella commissione del consiglio regionale sul Piano di tutela delle acque, “si è deciso a tavolino che la suinicoltura in Umbria debba chiudere”:
è quanto afferma Coldiretti Umbria.   

In un comunicato, l’associazione agricola ribadisce che le decisioni della commissione avranno “ripercussioni negative” sul settore agricolo, “in modo particolare per il comparto suinicolo”, come
hanno sottolineato in un incontro ieri a Perugia gli allevatori della Coldiretti, amareggiati per essersi “visti cestinare in pochi mesi la propria attività (Coldiretti fa riferimento
anche alle consegurenze delle inchieste sui depuratori, ndr)”.   

Coldiretti Umbria considera “flebile” la “speranza che le ipotesi di modifica del piano in consiglio regionale possano riparare ad una situazione che è precipitata nelle ultime settimane,
dopo un proficuo periodo di concertazione. La convinzione è quella che si sia voluta, come più volte sottolineato, ridisegnare dirigisticamente una mappa normativa che non tiene
conto delle realtà e delle opportunità che in termini di economia e di ambiente la suinicoltura rappresenta. Continuerà quindi l’impegno – conclude Coldiretti – per ribadire
come l’agricoltura e in particolare la zootecnia, restino un’attività fondamentale, oltre che per l’intera economia regionale, anche in termini di valorizzazione e presidio del
territorio”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento