Tracce di diossina nel latte materno a Taranto

È preoccupante il dato che emerge a Taranto di una rilevante presenza di diossina nei campioni di latte materno di tre donne, in quantità fortemente superiore a quella prevista
dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, tracce di diossina erano già state trovate in alcuni formaggi prodotti con il latte proveniente da allevamenti pericolosamente vicini
allo stabilimento Ilva di Taranto.

La diossina è uno tra i composti chimici più tossici, una presenza forte di tale sostanza può rendersi responsabile di gravi danni, sia nell’uomo che negli animali, quali
effetti cancerogeni, alterazioni del sistema immunitario e progressivi dimagrimenti.
La Federconsumatori, di fronte a questa situazione allarmante ed ai gravi rischi che ne potrebbero conseguire, chiede che gli Enti locali e il Ministero della Salute avviino da subito misure
atte a fare chiarezza su questi eventi ed intervengano per rendere pubblici al più presto i risultati delle analisi svolte e tuttora in atto.

Vorremmo inoltre sapere quali sono i provvedimenti in essere per informare le famiglie sui rischi ai quali sono esposte e per avviare le necessarie procedure di tutela, in conformità ai
diritti irrinunciabili dei consumatori.

Leggi Anche
Scrivi un commento