Termoregolazione e contabilizzazione calore: Assoedilizia chiede rinvio alla Regione Lombardia

Termoregolazione e contabilizzazione calore: Assoedilizia chiede rinvio alla Regione Lombardia

Nota della Redazione
Occorre una soluzione concreta che faccia da catalizzatore alla ripresa del Paese.

L’aumento, delle tasse e delle incombenze varie, provoca solo l’effetto di aumentare la chiusura delle aziende con conseguente impoverimento delle famiglie, lo
scontemto generale dei meno abbienti ma anche dei benestanti
. Aumentano anche gli imprenditori che scelgono il suicidio per risolvere i loro problemi ma
forse non sanno che la giustizia degli umani non si ferma e andrà inesorabilmente a bussare alla porta degli eredi, senza alcuna pietà. E dalla chiesa non possono avere nemmeno una
Cristiana sepoltura.

Ecco il comunicato di Assoedilizia
Data: 04 maggio 2012 13.01.32 GMT+02.00
Oggetto: Termoregolazione e contabilizzazione calore – Istanza di Proroga termini Delibera Giunta Regionale, presentata da Assoedilizia e Federlombarda Edilizia –
 
ASSOEDILIZIA
Associazione della Proprietà Edilizia 

TERMOREGOLAZIONE, ASSOEDILIZIA CHIEDE RINVIO ALLA REGIONE
Colombo Clerici: “I proprietari di casa, i condomini non sono in grado di sopportare ulteriori oneri aggiuntivi all’ IMU ed ai costi della crisi economica”  

Milano 4 maggio 2012
– Assoedilizia e Federazione Lombarda della Proprietà Edilizia hanno presentato istanza al Presidente e all’Assessore all’ Ambiente, Energia e Reti della Regione Lombardia affinchè
venga prorogato il termine del primo agosto 2012 imposto dalla delibera della Giunta Regionale in data 30/11/2011 n. IX/2601 che prescrive l’installazione, entro il termine del 1/8/2012, di
sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore per gli impianti termici a servizio di più unità immobiliari per gli impianti superiori a 350 kw installati ante il primo
agosto 1997.

Assoedilizia e Federazione Lombarda della Proprietà Edilizia hanno comunque impugnato la delibera di Giunta con ricorso straordinario al Capo dello Stato.

Il presidente dell’Associazione e della Federazione dei proprietari immobiliari Achille Colombo Clerici afferma:  “In questo periodo di grave crisi economica generale,  con l’IMU che
incide pesantemente sulle disponibilità economiche delle famiglie, aumentandone i costi e riducendone la capacita’ di spesa,  l’obbligo della termoregolazione degli ambienti e di
contabilizzazione autonoma del calore nei condomini di tutto il territorio regionale, anche per gli impianti esistenti, si tradurrà in  un onere calcolato in oltre 1.500 euro
mediamente, per centinaia di migliaia di famiglie.

Si aggiunge inoltre la difficoltà di raggiungere, entro la data prevista, una legittima decisione per l’attuazione degli di interventi (siamo infatti nell’ambito della proprietà
condominiale)”.  

Si rileva inoltre: la fonte di tutta la normativa è costituita da due Direttive europee, del 2002 e del 2010 sulla efficienza e sulle prestazioni energetiche nell’edilizia.

Le direttive, recepite sia dalla legislazione statale sia da quella regionale, si riferiscono però alle nuove costruzioni e alle grandi ristrutturazioni, mentre la normativa regionale
lombarda ricomprende nell’obbligo di adeguamento anche gli edifici esistenti, con cio’ travalicando le previsioni delle direttive europee stesse.
 
Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento