Spiagge Pulite: In tre giorni missione compiuta in oltre 200 località lungo la Penisola

E’ stato all’altezza del suo compito il popolo dei volontari di Legambiente che per tre giorni è tornato sulle spiagge italiane per liberarle dai rifiuti che si trovano sugli arenili, le
dune, le foci dei fiumi o in fondo al mare, sacchetti, bottiglie di plastica e soprattutto rifiuti piccoli, ma non meno inquinanti, come cannucce, tappi, stagnole dei pacchetti di sigarette,
carte di gelato e cicche.

Difficile fare una stima esatta del bottino degli eco-spazzini ma sono state oltre 200 le località costiere battute al setaccio con Spiagge e Fondali puliti – Clean up the
Med,
la campagna di Legambiente e Dipartimento della Protezione Civile, organizzata anche con la collaborazione di COREPLA (Consorzio Nazionale per la Raccolta, il
Riciclaggio e il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica), CIAL (Consorzio Imballaggi in Alluminio) PIRELLI AMBIENTE, VIROSAC, azienda
produttrice di materiali in mater-bi, che fornisce i sacchi per la raccolta dei rifiuti e il sostegno di RDS, radio partner dell’iniziativa.

Un fine settimana dedicato alla cura delle coste di tutto il Mediterraneo che riaccende l’attenzione sullo stato di degrado dei litorali italiani e sulla forte pressione a cui è
sottoposto il Mare Nostrum. Basti pensare che è il mare con più idrocarburi disciolti: ben 38 milligrammi per metro cubo di acqua. Così insieme ai sub, membri della
Protezione Civile, titolari di stabilimenti balneari e famiglie in questo week-end sono scese in campo anche le squadre di Legambiente «marine pollution» tra le poche al mondo
composte da operatori specializzati nella salvaguardia delle coste interessate da inquinamento da idrocarburi, che hanno dimostrato, durante molte iniziative, come si effettua un intervento in
caso di spiaggiamento di prodotti petroliferi sulla costa a seguito di incidenti in mare. L’avvio della campagna, giovedì 22, dalla spiaggia di Capocotta a Ostia Lido
(RM,
ha visto la partecipazione di un centinaio di rifugiati politici del Centro di Accoglienza del Comune di Roma testimoni dello spirito interculturale dell’iniziativa che si
è svolta in contemporanea in altri 21 paesi che si affacciano sul Mediterraneo. In Liguria nonostante il tempo incerto di oggi, i volontari si sono adoperati per la
pulizia della spiaggia libera di San Giuliano (GE) per cui si è reiterata la richiesta per l’accesso gratuito al mare. Da qui Legambiente ha colto
l’occasione per lanciare, all’avvio della stagione balneare, l’appello per l’allargamento e la creazione di servizi per le spiagge libere, ricordando che la Liguria è la regione leader
per numero di stabilimenti, dove su 135 chilometri di litorale solo 19 si possono considerare «liberi». In Toscana, a Grosseto, sabato 24, hanno
partecipato a Spiagge e Fondali puliti anche gli alunni di alcune scuole che armati di sacchi e guanti hanno rastrellato la spiaggia, la duna e la pineta di Marina di Alberese, all’interno del
Parco della Maremma. Circa 200 volontari che per la speciale occasione si sono ritrovati insieme a Filippo Firli di RDS. In Puglia grandi pulizie a Polignano
a Mare (BA), Trani (BA), Mola di Bari (BA), Otranto (LE), Ugento (LE), Porto Cesareo (LE), Salve (LE), Gallipoli (LE) e Capo di Leuca (LE). A
Trani a dare una mano a Legambiente c’erano anche detenuti e detenute delle Case Circondariali mentre a Polignano a Mare la pulizia dei fondali è stata affidata
a più di 300 sub
provenienti da dieci scuole regionali e dalle forze dell’ordine.

In Sicilia, in provincia di Catania è stato scelto un tratto della riserva naturale «Oasi del Simeto» dove in passato hanno più volte
ripulito tratti di costa e del fiume dai rifiuti. In particolare oggi è stata ripulito un tratto dell’arenile e della duna prospiciente le zone umide salmastre denominate
«salatelle» dove erano presenti sia rifiuti spiaggiati dalle mareggiate che abbandonati in una micro discarica dai proprietari delle vicine costruzioni abusive. In circa tre ore i
volontari hanno raccolto numerosi sacchi di rifiuti, soprattutto contenitori di plastica e vetro. Nelle Marche in una delle tante iniziative organizzate, una sessantina di
volontari insieme a molti bambini si sono occupati dei 5 chilometri di spiaggia tra Pescara e Fano, la cosiddetta Baia del Re. Un tratto di costa dove i
rifiuti arrivano non tanto dai frequentatori quanto dal mare, un perfetto esempio per capire l’importanza di aver cura anche dei corsi d’acqua interni.

Moltissimi sono stati anche gli appuntamenti in Campania con migliaia di cittadini al lavoro sui litorali e alle foci dei fiumi che hanno dimostrato come ancora ci sia voglia
di partecipare e d’impegnarsi in prima persona per la tutela dell’ambiente: a Eboli (SA) è stata tirata a lucido l’area protetta dunale di Campolongo, nata nel 2003,
che, anche se protetta continua a subire atti di vandalismo e scarico abusivo di rifiuti.

Leggi Anche
Scrivi un commento