Smagliature. Oggi non si nascondono?si tolgono!

La quasi totalità delle donne bianche le conosce personalmente, e anche un consistente numero di uomini ha a che fare con le strie che deturpano la continuità e la compattezza
della superficie cutanea, di fatto le smagliature sono piccole fratture profonde delle fibrille di collagene nel derma.

In particolari situazioni (anche fisiologiche) che comportano un aumento o una diminuzione nel volume delle masse sottostanti alla pelle, le fibre collagene subiscono un forte stress.
Ciò porta alla loro lesione e dapprima la pelle appare assottigliata e arrossata in forma di strie (striae rubrae), e poi si manifestano le smagliature di colore perlaceo. Questa fase
è simile ad una cicatrice, e lo stato della smagliatura è irreversibile e non esiste il cosmetico che le migliora sostanzialmente.

La microchirurgia contro le smagliature – Ideale per trattare le smagliature anche di vecchia data, la terapia michirurgica messa a punto dal dottor Pallaoro consiste in una rimozione
progressiva di piccolissime porzioni di tessuto cutaneo danneggiato. Lo strumento per realizzare ciò è il Trilix, che deve i natali al chirurgo stesso, ed è una sorta di
micro drill dalla punta cava. “Le piccole asportazioni di pelle avvengono in anestesia locale e il paziente può tornare a casa dopo le medicazioni – precisa il dottor Pallaoro – Il
Trilix rimuove una tessera cutanea del diametro di un millimetro scarso: una dimensione troppo ridotta perché si formi una cicatrice evidente”. Perciò, una volta guarita la zona
d’intervento, la pelle è pronta per la seduta successiva di Trilix, fino a completa rimozione della seduta. I vantaggi della tecnica Trilix, oltre all’evidente privilegio di poter
rimuovere lesioni fino ad oggi considerate indelebili, stanno anche nel fatto che non sono previsti punti di sutura né particolari medicazioni. Dopo le sedute previste, la pelle
avrà solo una vaga traccia delle smagliature trattate, con un aspetto esteticamente più gradevole e compatto.

Dove si può applicare la terapia microchirurgica – L’asportazione delle smagliature attraverso la tecnica microchirurgica può avvenire su qualsiasi parte del corpo, “ma –
avverte lo specialista – il paziente deve presentare alcuni requisiti indispensabili per la buona riuscita dell’intervento. Innanzitutto la sua cicatrizzazione non deve essere tendente al tipo
ipertrofico e cheloideo, e in seconda istanza, la zona da trattare deve presentare una smagliatura ben definita, con tessuto sano circostante”.
Per uniformare ulteriormente la texture cutanea al termine del trattamento è consigliabile poi eseguire un peeling della zona, una volta normalizzata la parte trattata.

Fonte: www.pallaoro.com

Leggi Anche
Scrivi un commento