Servizi pubblici locali: riforma più rapida

Il Ministro Linda Lanzillotta, il sindaco di Torino, Sergio Chiamparino e il segretario generale dell’Anci, Angelo Rughetti d’accordo nel rendere più rapida la riforma dei servizi
pubblici locali all’esame della Commissione affari costituzionali del Senato è il dato emerso dall’incontro svoltosi presso il Dipartimento degli Affari Regionali e le Autonomei Locali.

Lanzillotta e Chiamparino hanno giudicato l’incontro «molto positivo e importante perché è servito a chiarire le posizioni e a superare dubbi interpretativi».

L’auspicio è che l’iter del ddl di liberalizzazione sia «il più rapido possibile così da approvare finalmente un provvedimento che a detta di entrambi può
rappresentare un utile strumento per il rilancio e la crescita del settore delle utility, tale da consentire economie locali più solide e servizi più efficienti per i
cittadini».

In una dichiarazione al Sole 24Ore, il ministro aggiunge che «il chiarimento intervenuto va nel senso di un’interpretazione delle norme già presentate – dice il ministro per gli
Affari regionali – e conferma che molti dei timori enunciati dai Comuni non erano fondati. Ho rassicurato Chiamparino che non c’è nessuna forma di discriminazione delle società
pubbliche».

Il sindaco di Torino Chiamparino ha aggiunto che:«Sono state apportate alcune modifiche e si è raggiunta un’intesa sul testo. Prenderemo ora contatti con tutti i gruppi
parlamentari affinchè il testo vada avanti il più rapidamente possibile. Inoltre creeremo una task force all’Anci che supporti i comuni nell’anticipare, in qualche modo, i
contenuti del provvedimento, e snellire così i tempi».

Leggi Anche
Scrivi un commento