Sanzioni in materia di libri matricola e paga. Inesattezze nella scritturazione

D: Quando sono violati gli obblighi di legge in merito alla registrazione sul libro matricola di un lavoratore? Ed in caso di inesattezze nella scritturazione? Quando sono violati gli
obblighi di legge in merito al libro paga? Nel caso è un o solo l’illecito o si deve moltiplicare per quanti lavoratori sono implicati?

R: Con la nota n. 25/I/0005831 del 2 maggio 2008, la Direzione generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del lavoro e della previdenza sociale, riprendendo la lettera circolare del
18 aprile 2008, in merito ai chiarimenti forniti sulla corretta applicazione del regime sanzionatorio in materia di registrazioni sui libri matricola e paga, ha chiarito che sono violati gli
obblighi di legge «ogni volta che si ometta, prima dell’inizio della prestazione lavorativa, la registrazione di un prestatore d’opera (tanti illeciti quanti sono i lavoratori
oggetto dell’omissione)» o «ogni volta che relativamente allo stesso si effettuino una o più inesattezze nella scritturazione (tanti illeciti quanti sono i
lavoratori oggetto delle scritturazioni inesatte, a prescindere dal numero delle inesattezze riscontrate».
Per quanto attiene alle violazioni relative al libro paga (sezione presenze) è stato chiarito che l’obbligo di legge è violato in relazione a ciascun dipendente per il quale il
datore di lavoro non iscriva l’orario di lavoro da questi effettuato il giorno antecedente e che «sussistono tanti illeciti quanti sono i lavoratori oggetto delle omesse o inesatte
registrazioni», a prescindere dal numero di infrazioni riferite al medesimo lavoratore.

Leggi Anche
Scrivi un commento