Sabiem: Fochi si impegna con Rebaudengo a pagare entro il 10 dicembre le retribuzioni arretrate

Bologna – A nome della proprietà delle Fonderie Sabiem, Filippo Fochi ha scritto all’assessore al Lavoro della Provincia Paolo Rebaudengo, impegnandosi a versare entro questa
settimana il 50% delle retribuzioni del mese di ottobre e il saldo entro il 10 dicembre.

Rebaudengo, a seguito dell’incontro con i lavoratori della Sabiem di fronte ai cancelli della storica azienda bolognese, da settimane in lotta, aveva ripetutamente sollecitato la
proprietà dell’azienda a far fronte agli impegni verso i dipendenti, in attesa delle retribuzioni arretrate e oggi in Cigs (cassa integrazione straordinaria) senza ricevere la relativa
indennità.
Per quanto riguarda la cassa integrazione straordinaria, che decorre dal 5 novembre, l’assessorato al Lavoro della Provincia ha sollecitato il Ministero alla rapida approvazione della domanda,
poiché i lavoratori non godono di un anticipo da parte dell’azienda, come avviene nella maggior parte dei casi. Filippo Fochi, nella missiva, si dichiara disponibile a concordare con le
organizzazioni sindacali «possibili anticipi«.
Quanto ai versamenti contributivi mancati da molti mesi, Fochi li attribuisce a «tensioni finanziarie« e scrive di aver trattato un «piano di rateizzazione« con l’Inps,
venuto meno in seguito al mancato trasferimento dello stabilimento.

Si tratta di un punto oscuro, relativo a diritti previdenziali di fondamentale importanza per i lavoratori, pertanto l’assessore Rebaudengo ha preso contatto con il direttore dell’Inps
provinciale di Bologna per far luce e avere un quadro della situazione.

Leggi Anche
Scrivi un commento