Roma: Osservatorio Project Financing

Complessivamente il mercato potenziale del partenariato pubblico privato attivato nell’ultimo mese è rappresentato da 97 progetti e un volume d’affari di 382 milioni, lo rileva il
periodico rapporto mensile curato dall’Osservatorio Nazionale del Partenariato Pubblico Privato – promosso dall’Unità Tecnica Finanza di Progetto del CIPE – Presidenza del Consiglio dei
Ministri, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Unioncamere e Camera di Commercio di Roma, e realizzato e gestito da AeT – Ambiente e Territorio, Azienda Speciale della CCIAA di Roma in
collaborazione con Cresme. Si tratta di un risultato difficile da valutare, soprattutto se si confronta con quanto successo nello stesso mese del 2006, quando è stata avviata la gara per
la realizzazione della superstrada a pedaggio Pedemontana Veneta, il cui valore ammonta a 2,2 miliardi. Così appare quanto mai straordinaria la contrazione che si registra dell’86%. Quel
che resta è un minor numero di opere (-6.7%).

Andamento invece decisamente positivo rispetto al precedente mese di Settembre il numero cresce del 1% e l’investimento risulta quasi raddoppiato. A fare la differenza soprattutto la
realizzazione dell’infrastruttura di trasporto rapido di massa per il collegamento tipo “people mover” tra l’Aeroporto G. Marconi e la Stazione Centrale FF.SS. di Bologna per un importo di 89,3
milioni, pari al 30% del mercato delle gare di PPP del mese.
Nel periodo Gennaio-Ottobre 2007 il mercato potenziale del PPP è rappresentato da 1.265 avvisi e un volume d’affari che sfiora i 15 miliardi. Il confronto con lo stesso periodo dello
scorso anno segna un trend negativo per volume d’affari (-10%) e dimensione media dei progetti (-21%) e positivo per numero di iniziative avviate ( 17%). Con riferimento alla cifra d’affari
delle gare di PPP, al netto quindi degli avvisi di selezione di proposte, il relativo peso sul mercato complessivo delle gare per opere pubbliche registrato dall’Osservatorio Cresme-Edilbox
sale a quota 21%, pari a 3 punti percentuali in più rispetto a Gennaio-Settembre 2007 (18%) e a 10 in meno rispetto ad un anno fa (31%).
La ripresa del mercato rispetto allo scorso mese è da attribuire soprattutto alle selezioni di proposte, che si presentano in forte ripresa dopo l’azzeramento di Settembre determinato
dall’entrata in vigore del D.Lgs. n. 113/2007 che cancella il diritto di prelazione, ma anche alla crescita delle proposte giunte in gara, così come le concessioni su proposta pubblica e
le altre gare di PPP. Al contrario le concessioni di servizi dimezzano l’investimento a fronte di un incremento del numero di opportunità superiore al 20%.
La ripartizione geografica evidenzia una sostanziale parità tra Nord e Sud del paese per numero di progetti avviati (43 iniziative contro 42), mentre il 52% dell’investimento risulta
localizzato al Nord. Da segnalare come rispetto allo scorso mese di Settembre ricompaiano le grandi opere di importo superiore a 50 milioni, crescano i progetti medi e micro e si riducono tutte
le restanti tipologie dimensionali. Infine. per quanto riguarda i settori di interesse l’attenzione rimane alta per l’arredo urbano-verde pubblico, dal lato del numero, mentre i trasporti
riconquistano il primato per investimento grazie agli 89 milioni destinati al “People Mover” di Bologna.

Si rilancia il Project Financing – Sembra superata la grande paura determinata dalla caduta della prelazione del promotore. Dopo l’arresto registrato a Settembre ecco che il Project
Financing riparte. Ad Ottobre le iniziative di PF avviate sono state 27, di cui 18 selezioni di proposte e 9 gare di concessione di costruzione e gestione su proposta del promotore. Il volume
d’affari è stato pari a 227 milioni, di cui 87 milioni, pari al 38% del project financing, relativamente alla fase 1 e 140 milioni alla fase 2 della procedura.
Le selezioni di proposte nell’ultimo mese salgono da 5 a 18 progetti e da 9,6 milioni a oltre 87. Ad Ottobre 16 iniziative su 18 totali sono state attivate dalle amministrazioni meridionali,
mentre 51 milioni su 87 totali spettano a due progetti avviati da due enti pubblici del Nord Ovest. Da segnalare l’iniziativa del Politecnico di Milano finalizzata alla realizzazione e gestione
di strutture alloggiative per studenti universitari e post, su aree concesse in diritto di superfice dal Comune di Milano, per un valore di 50 milioni.
A loro volta le gare di concessione di costruzione e gestione su proposta del promotore, sono state 9 per 140 milioni. Il bilancio del mese è positivo per numero e a doppia
velocità per investimento: rispetto a Settembre 2007 si registra un 12,5% per numero e un investimento più che triplicato ( 214%). Tra le amministrazioni comunali il maggiore
investimento spetta al Comune di Scandicci che ha mandato in gara la proposta dell’Ati Baldassini Tognozzi-Pontello Costruzioni Generali Spa relativa alla realizzazione della nuova Stazione
della Tranvia Veloce Firenze Santa Maria Novella-Scandicci, in attuazione del Progetto Guida dell’Arch. R. Rogers. II valore complessivo della proposta ammonta a 38.339.918,26 euro.

Leggi Anche
Scrivi un commento