RICERCA INDUSTRIALE

Sono venti i milioni di euro stanziati a sostegno di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale nel settore delle Biotecnologie per le Scienze della Vita. La giunta regionale ha
deliberato di attribuire tale finanziamento per progetti di ricerca realizzati secondo il modello della «piattaforma innovativa», con le risorse del Programma
Operativo Regionale – FESR 2007-2013.

Le piattaforme innovative sono progetti strategici su tematiche di interesse regionale o sovra regionale realizzati da raggruppamenti di imprese, università, centri di ricerca
pubblici e privati, parchi scientifici e tecnologici, poli di innovazione e ogni altro soggetto attivo nel campo della ricerca.

Il bando, che è attualmente aperto, individua come tematiche di interesse prioritario nell’ambito delle quali saranno attivati i finanziamenti l’imaging molecolare, le cellule
staminali per la medicina rigenerativa, l’immuno diagnostica e l’immuno oncologia e l’innovazione di prodotto a beneficio di patologie ad elevate necessità di farmaci e
diagnostica.

I soggetti beneficiari sono aggregazioni, anche temporanee, di imprese, università, centri di ricerca pubblici e privati, organismi di ricerca che in forma collaborativa intendano
sviluppare progetti di ricerca industriale di dimensioni rilevanti.

Requisito essenziale è la presenza di un numero significativo di piccole e medie imprese e di almeno un organismo di ricerca. Per accedere ai finanziamenti i soggetti beneficiari
dovranno avere di norma un’unità produttiva, operativa e di ricerca in Piemonte, nella quale dovrà svolgersi la parte prevalente dell’attività. La
dimensione minima dei progetti proposti dovrà essere di 3 milioni di euro.

Ha commentato l’assessore all’Industria della Regione Piemonte, Andrea Bairati: «Dopo l’aerospazio, altri 20 milioni di euro sono destinati al lancio della piattaforma biotech. I
finanziamenti si collocano nell’ambito dell’Asse1, Innovazione e transizione produttiva, del POR a sostegno delle cosiddette «Piattaforme innovative». Un intervento
che affianca altre misure attivate recentemente, come l’avvio dei poli d’innovazione che sono collocati su alcune filiere del territorio piemontese: possiamo affermare che le azioni del Fesr
sono a un buon punto di avanzamento».

Le domande di ammissione all’agevolazione devono essere compilate in ogni parte ed inviate per via telematica secondo l’apposita procedura entro e non oltre il 30 settembre 2008.

Leggi Anche
Scrivi un commento