Regione Piemonte: la comunicazione rispetta la Par Condicio

Torino – In relazione alle annotazioni dell’opposizione riguardanti la comunicazione della Giunta Regionale in periodo elettorale, si osserva in primo luogo che la materia
è di stretta competenza delle strutture tecniche dell’Amministrazione e non degli organi istituzionali.

Secondariamente, si sottolinea che l’Ufficio Stampa della Giunta regionale rispetta scrupolosamente il dettato dell’art. 9 della legge 28/2000.

La legge prescrive, come richiamato dai gruppi di opposizione, che le limitazioni alla comunicazione scattano con la convocazione dei comizi elettorali. Va tuttavia osservato che in data 7
febbraio il sito del Ministero dell’Interno pubblicava il decreto di convocazione dei comizi elettorali aggiungendo che l’entrata in vigore del provvedimento era fissata al 21 febbraio 2008. Il
Direttore della Comunicazione Istituzionale e il Dirigente del Settore Ufficio Stampa della Giunta Regionale hanno pertanto provveduto a informare tempestivamente le strutture della Regione
Piemonte delle limitazioni da adottare a partire da tale data.

Tale interpretazione è peraltro condivisa da Regioni quali la Lombardia e il Veneto, come si evince chiaramente visitando i siti www.regione.lombardia.it e www.regione.veneto.it .

Si osserva infine che l’art 9 della legge n. 28 del 2000 ha cancellato il precedente riferimento alla comunicazione istituzionale, estendendo di fatto le limitazioni nella diffusione di
informazioni a tutte le componenti della Pubblica Amministrazione e comprendendo dunque nella normativa gli Uffici Stampa dei Gruppi consiliari.

Leggi Anche
Scrivi un commento