Quote latte: Confagricoltura, ancora una volta la legge non è stata rispettata

“Un rinvio incomprensibile” è questo il commento di Confagricoltura alla notizia che il TAR del Lazio, chiamato a decidere se condannare alcuni Cobas del latte, ha deciso di disporre
un’istruttoria dibattimentale, per chiedere alle Regioni gli elenchi degli allevatori che hanno aderito alla rateizzazione dei prelievi, previsti dalla legge 119/2003.

Confagricoltura sostiene che lo Stato italiano abbia regolarmente versato quanto dovuto nelle casse dell’Unione Europea, ma non sia mai riuscito ad imporre questo principio ad uno sparuto
gruppo di allevatori che, dal lontano 1983, hanno accumulato debiti per oltre due milioni di Euro.

La lentezza amministrativa e giudiziaria ha prodotto un gravissimo danno ai cittadini italiani, oltre che agli operatori del settore lattiero caseario.

Decidendo di rimandare la propria decisione di un anno, il TAR del Lazio, commenta Confagricoltura, consente agli imputati di continuare la propria attività e di fatto, condanna i
cittadini italiani al pagamento di una nuova multa che, come è accaduto negli ultimi anni, si aggirerà intorno ai 170 milioni di Euro.

Leggi Anche
Scrivi un commento