Prorogata al 10 luglio la presentazione di 770 e 730

Dopo le discussioni e le richieste degli ordini professionali e l’annuncio dei giorni scorsi, il sottosegretario al Ministero dell’economia Daniele Molgora ha diramato un comunicato che
“ufficializzata la proroga al 10 luglio dei termini di presentazione dei modelli 730 e 770 (in scadenza il 3 giugno), nonché la proroga al 30 settembre dei termini di presentazione del
modello UNICO 2008 (in scadenza il 30 luglio)”.
La notizia è arrivata al termine di un incontro con il Presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, Claudio Siciliotti, in cui Molgora ha espresso
“la volontà del Governo di stabilire una proroga degli adempimenti fiscali di prossima scadenza, come già fatto in merito all’invio telematico del modello 770 semplificato e del
modello 730, venendo così incontro ad alcune delle istanze che gli sono state rappresentate dalle stesse categorie professionali”.
“Nel corso dell’incontro senz’altro proficuo – ha commentato Molgora – quello che più conta è che è emersa la comune determinazione di intervenire sulla normativa a regime
per definire, insieme, un quadro di scadenze che sia coerente rispetto alle tempistiche che intercorrono tra il rilascio della modulistica e dei software e i termini di effettuazione degli
adempimenti”. “Così sarà possibile abbandonare, una volta per tutte, la politica delle proroghe che, sono certo, non piacciono nemmeno a professionisti e contribuenti”, ha
concluso il sottosegretario.
Anche Siciliotti ha espresso soddisfazione per l’esito dell’incontro ed ha confermato che in questo frangente il rinvio delle scadenze era l’unica soluzione possibile: “I Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili non sono certo amanti delle proroghe – ha osservato il presidente del CNCDEC – D’altro canto la situazione creatasi con riferimento a quest’anno non lasciava oggettivamente
spazio a soluzioni diverse”.
“Ora discutiamo insieme un quadro di scadenze e di procedure per il futuro che consenta di non dover più avere bisogno di questi provvedimenti di pura emergenza”, ha concluso.

Leggi Anche
Scrivi un commento