Prezzi alimentari ancora alti

Roma – I prezzi sostenuti delle derrate alimentari hanno colpito in particolare i settori più vulnerabili della popolazione di molti paesi, coloro che spendono una parte
rilevante del proprio reddito per la spesa alimentare, si legge in un rapporto della FAO pubblicato oggi.

Secondo l’ultimo Food Outlook (Prospettive alimentari) si prevede che nel 2008 il costo totale delle importazioni alimentari dei Paesi a basso reddito con deficit alimentare (LIFDC,
l’acronimo inglese) raggiungerà i 169 miliardi di dollari, 40 per cento in più del 2007. La FAO giudica questo aumento sostenuto della spesa delle importazioni alimentari dei
paesi più vulnerabili «uno sviluppo preoccupante» ed afferma che per la fine del 2008 il loro costo complessivo annuale potrebbe essere quattro volte maggiore rispetto al
2000.

I prezzi internazionali della maggior parte dei prodotti agricoli di base hanno cominciato a calare, ma è improbabile che ritornino ai livelli bassi degli anni passati, secondo il
rapporto. L’indice dei prezzi alimentari della FAO è stabile dal febbraio 2008, ma la media dei primi quattro mesi del 2008 rimane più alta del 53 per cento rispetto allo stesso
periodo di un anno fa.

«Il cibo non è più il prodotto economico di una volta. L’aumento dei prezzi alimentari è destinato ad esacerbare il già inaccettabile livello di mancanza di
cibo con cui devono fare i conti 854 milioni di persone», ha dichiarato il Vice Direttore Generale della FAO Hafez Ghanem. «C’è il rischio che il numero di coloro che
soffrono la fame aumenti di milioni di unità».

Ricostituire le scorte
Nonostante le prospettive generalmente favorevoli della produzione globale, il previsto declino dei prezzi di molti prodotti agricoli di base per la stagione 2008/2009 sarà limitato,
perché occorrerà ricostituire le scorte e perché si prevede un maggiore utilizzo, ed è per questo che ci vorrà più di una buona stagione per
ricostituire le scorte e ridurre la volatilità dei prezzi.

Le ultime previsioni FAO sulla produzione cerealicola mondiale nel 2008 indicano un ammontare record stimato intorno a 2.192 milioni di tonnellate, incluso il riso lavorato, che registra un
aumento del 3.8 per cento rispetto al 2007. Tra i cereali maggiori, il grano è quello che con tutta probabilità guadagnerà maggiormente, grazie ai previsti migliori
raccolti per il 2008. Nonostante livelli di produzione record per molte colture, mercati ancora ristretti manterranno una situazione di volatilità dei prezzi.

Capi di stato e di governo affronteranno il problema dei prezzi alimentari e le sfide del cambiamento climatico, della bioenergia e della sicurezza alimentare nel corso del prossimo vertice che
si terra a Roma dal 3 al 5 giugno 2008.

Oli e semi oleosi
Nel 2007/08 l’aumento dei prezzi dei semi oleosi e dei prodotti da essi derivati hanno subito una brusca accelerazione, con valori che nel marzo 2008 hanno raggiunto nuovi livelli record. I
mercati mondiali si sono considerevolmente ristretti poiché una ridotta crescita dell’offerta di oli ed un calo di farina di semi oleosi, sono coincisi con un’ulteriore aumento della
domanda. Le prime previsioni per la stagione 2008/09 indicano una forte ripresa della produzione mondiale, e la produzione di oli e farine semi oleosi dovrebbe essere sufficiente per coprire la
domanda globale.

Zucchero
Condizioni di crescita generalmente favorevoli hanno portato ad una produzione mondiale di record nel 2007/08 e nonostante si preveda un aumento sostenuto del consumo mondiale, non si ritiene
che possa essere sufficiente ad assorbire un surplus di offerta per il secondo anno consecutivo. È probabile dunque che i prezzi internazionali continuino a subire una pressione al
ribasso.

Carne
La produzione mondiale si prevede crescerà nonostante i prezzi alti dell’alimentazione animale. La forte crescita economica alimenterà una crescita sostenuta del consumo di carne
in molti paesi in via di sviluppo.

Prodotti lattiero-caseari
La produzione mondiale di latte, che sta rispondendo ai prezzi alti dei prodotti caseari dello scorso anno, crescerà in modo sostenuto nel 2008. Tuttavia non è chiaro in che
direzione andranno i mercati. Il commercio globale di prodotti caseari è previsto calerà di nuovo nel 2008 principalmente a causa delle ridotte disponibilità per
l’esportazione. La domanda di importazioni sembra vacillare a causa dei prezzi, a loro volta dovuti al forte aumento della produzione da parte di parecchi paesi importatori.

Prodotti ittici
Secondo il rapporto, l’acquacoltura continuerà a crescere e si prevede raggiungerà quest’anno una meta storica eguagliando il livello della pesca da cattura. I prezzi delle specie
spontanee, proveniente dalla pesca di cattura, registrano una forte tendenza al rialzo, mentre i prezzi delle specie d’allevamento si prevede si mantengano più moderati.

Patate
A livello mondiale, nel corso del prossimo decennio, la produzione di patate potrebbe espandersi di un 2/3 per cento all’anno – con i paesi in via di sviluppo, specialmente quelli che si
trovano nell’Africa sub-sahariana, motori principali di questa crescita. In Cina, il maggiore produttore di patate al mondo, le autorità stanno pensando di fare della patata una delle
colture principali del paese, mentre l’India sta analizzando programmi per raddoppiare la produzione di patate nei prossimi cinque anni.

Leggi Anche
Scrivi un commento