Prezzi: 2007 boom per rifiuti, cibo e treni

I dati diffusi oggi dal Ministero per lo sviluppo economico, relativi agli aumenti dei prezzi registrati nel 2007, sono palesemente sottostimati e non rappresentano la realtà della
maxi-stangata che si è abbattuta sui consumatori italiani nel corso dell’anno appena concluso.

«Le percentuali degli aumenti reali avvenuti nel 2007 sono almeno doppie rispetto a quelle diffuse dal Ministero – afferma il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – specie nel settore
alimentare, dopo i rincari sono stati pesantissimi specie sui prodotti legati al grano come pasta 27% e pane 15%. Basti pensare che nel 2007 una famiglia media ha speso 400 euro in più
solo per l’acquisto di beni alimentari. Farebbe bene il Ministero per lo sviluppo ad adottare misure immediate per evitare che nel 2008 si registri un triste bis sul fronte dei prezzi –
conclude Rienzi».

Leggi Anche
Scrivi un commento