Presentata ricerca sulla storia degli emigrati laziali all'estero

Lazio, 13 Dicembre 2007 – Sono 267204 i laziali residenti all’estero e iscritti all’Aire (Anagrafe degli italiani residenti all’estero) a gennaio 2006: 174846 della provincia di Roma, di
cui 155846 della Capitale, 57136 per la provincia di Frosinone, 25847 per quella di Latina, 4062 per quella Rieti e 3932 per quella Viterbo.

Sono alcuni dei dati annunciati oggi da Anna Salome Coppotelli, assessore alle politiche Sociali, durante il convegno di presentazione del volume “L’altro Lazio – Geografia dell’emigrazione
laziale all’estero, una ricerca scientifica sulla storia degli emigranti del nostro territorio dal 1951 al 2006.

“Questa ricerca – ha detto l’assessore regionale Anna Salome Coppotelli illustrando lo studio questa mattina in un albergo romano – ci consente di conoscere i reali numeri della emigrazione e
di poter programmare e finalizzare risorse precise. Il nostro obiettivo è quello di arrivare, per il 2008, alla quinta conferenza regionale sull’emigrazione per stilare una Carta dei
diritti e dei servizi dove sia stabilita una politica di concertazione e di programmazione per gli emigranti”.

La presenza più forte dei laziali, in ordine decrescente, si registra in Brasile, Argentina, che detengono il primato numerico, seguiti da Francia, Stati Uniti, Canada, Regno Unito,
Germania, Perù Svizzera, Australia, Belgio, Spagna, Cile ed Uruguay.

La ricerca è stata realizzata dall’Università La Sapienza di Roma. Gli autori del volume sono la professoressa Flavia Cristaldi responsabile del progetto (Università La
Sapienza di Roma dipartimento di Geografia Umana) e Riccardo Morri, che hanno coordinato un gruppo di ricercatori universitari ad alta specializzazione (geografi, statistici, sociologi e
storici).

Leggi Anche
Scrivi un commento